Influenza, farmaci omeopatici per la prevenzione

di Valentina Cervelli Commenta

Influenza, farmaci omeopatici per la prevenzione. Un approccio tradizionale a questo virus è sempre consigliato attraverso la vaccinazione stagionale offerta dal Servizio Sanitario Nazionale. Ma nulla vieta di esplorare ciò che l’omeopatia ha da offrire.

L’inizio del periodo autunnale è il momento migliore per prevenire le sindromi influenzali: è importante farlo alzando la resistenza del sistema immunitario. Solo in questo modo si può tentare di arginare l’impatto che i vari virus, compreso quello influenzale, possono avere sulla persona.

Non dobbiamo dimenticare che ogni anno si presentano ceppi differenti di influenza e che delle buone difese ci consentono, in concomitanza con il vaccino antinfluenzale, di ammalarci in modo leggero o di non contagiarci affatto. I farmaci omeopatici possono aiutarci in questa battaglia di protezione delle nostre vie respiratorie ed il Biofluinom Echinacea è uno di quelli. Si tratta di un medicinale da tempo conosciuto ed utilizzato per la prevenzione dall’influenza.

Questo rimedio è privo di effetti collaterali: si tratta di capsule sublinguali che devono essere sciolte sotto la lingua una volta a settimana: esse contengono diluizione di estratti di cuore e fegato di anatra (Anas barbariae 200k) con Echinacea purpurea 8DH.

Un altro farmaco noto per le sue capacità di prevenire i sintomi dell’influenza è l’Oscillococcinum. Esso deve essere assunto a titolo preventivo con una dose di granuli a settimana che deve essere sciolta, anch’essa, sotto la lingua. Questo medicinale può essere preso fino a 15 minuti prima di un pasto o almeno un’ora dopo. Il principio attivo è lo stesso del farmaco precedente, senza la presenza di Echinacea.

Anche China e Ribes nigro possono aiutare il rafforzamento del sistema immunitario. Detto questo è comunque consigliato sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale tradizionale per dare al proprio organismo una protezione sicura. Non dobbiamo dimenticare che l’influenza non è pericolosa solo per la sua fase acuta ma anche per le conseguenze che può apportare se non sufficientemente curata.

Photo Credits | IAKOBCHUK VIACHESLAV / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>