Omeopatia: oggi visite gratuite e consigli

di Cinzia Iannaccio 1

Si è celebrata ieri la Giornata Internazionale 2011 dedicata all’omeopatia, una medicina “non convenzionale” tra le più amate al mondo. Ed oggi su tutto il territorio italiano l’AIOT, Associazione Italiana Medica di Omotossicologia, col sostegno di Guna (uno lei leader italiani nel settore) propone dei check-up gratuiti, presso gli studi dei medici aderenti all’iniziativa. In Italia secondo gli ultimi dati sono più di 11 milioni gli italiani che approcciano all’omeopatia, alcuni in maniera continuativa, altri come opzione terapeutica da scoprire all’occorrenza. L’omeopatia risulta avere buoni risultati in caso di infezioni delle vie respiratorie, raffreddore, mal di testa, acne, febbre, ecc.

Personalmente non rimango mai senza i granuli di arnica montana, per combattere il mal di schiena che mi perseguita! Si usa spesso anche in gravidanza e con i bambini, proprio per la sua mancanza di effetti collaterali, ma bisogna sempre prestare attenzione al fai da te. Quella di oggi può essere sicuramente l’occasione giusta per approcciare a questo metodo terapeutico, scoprendone anche le potenzialità dal punto di vista della prevenzione. Si tratta di rimedi naturali, trattati in modo tale da non provocare tossicità e che tendono a guarire l’individuo nella sua totalità. Non si cura il sintomo, ma si cerca di ristabilire l’equilibrio fisiologico, la cui perdita ha provocato il disturbo. E’ per questo che, benché esistano delle linee terapeutiche generali è importante la visita con un medico omeopata esperto, affinché la cura sia quanto più personalizzata. Purtroppo l’Italia, è abbastanza arretrata dal punto di vista legislativo, anche se il Ministro della Salute Ferruccio Fazio ha annunciato a breve dei test tossicologici sui principali prodotti omeopatici in vendita, volti a garantire ulteriormente tali medicinali, e la realizzazione di una nuova classe nel prontuario farmaceutico che ovviamente sarà la O.

Nel frattempo? L’omeopatia è comunque una metodica internazionalmente riconosciuta e sono numerosi i medici italiani che la praticano, anche come forma complementare alla medicina considerata convenzionale. Un esempio è l’Ospedale di Pitigliano (Toscana) che da qualche tempo ha attivato un ambulatorio di Medicina Complementare che utilizza cure omeopatiche e fitoterapiche. In questi giorni l’offerta si è arricchita di un servizio di agopuntura. Il tutto col pagamento del ticket (se residenti) previa prenotazione al CUP (centro unico prenotazioni) della Asl 9, al numero 0564/483500. Per la manifestazione di oggi invece il numero verde gratuito 800/385014 o il sito internet dedicato.

Articoli correlati:

Commenti (1)

  1. Firma per una Legge POPOLARE Sulle Medicine Non Convenzionali.

    Il percorso per il riconoscimento delle medicine non convenzionali ha seguito sino ad oggi un lungo iter parlamentare, senza giungere ancora alla creazione di un quadro normativo nazionale.

    Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del Naturopata e dell’operatore delle Discipline Bio-Naturali. Esistono solo delle leggi regionali.

    Per questo motivo è nato un Progetto Popolare :
    Una Legge POPOLARE Sulle Medicine Non Convenzionali
    Vuoi aiutarci ? Firma subito ! Hanno già firmato 16.000 persone.

    http://www.UnaLeggePerLeMedicineNonConvenzionali.it

    Grazie di cuore a tutti.
    Emanuel Celano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>