Gemelline scomparse, il padre affetto da schizofrenia?

di Cinzia Iannaccio 1

 Un gesto folle, una profonda depressione o un drammatico incidente? Queste domande se le sono poste di sicuro gli inquirenti di Cerignola (Foggia) quando hanno scoperto il cadavere di Matthias Schepp, lacerato da un treno. L’uomo che per il momento ha portato con se il segreto sulla scomparsa delle figlie, le gemelline Livia ed Alessia. Poi le lettere e la certezza: follia. Anzi, la famiglia dell’uomo si è rivolta ad uno specialista di Zurigo, che ha confermato, studiando alcuni scritti, che l’uomo soffriva di uno squilibrio mentale profondo: parla di schizofrenia e di un forte istinto al suicidio.

Ma cosa è la schizofrenia? Si tratta di uno dei disturbi psicotici più gravi ed i suoi sintomi non sono ancora del tutto identificabili: interferisce con la capacità di pensare in modo chiaro e sereno, di gestire le emozioni, di relazionarsi adeguatamente col prossimo ed in particolare con la famiglia. Spesso però questo avviene in modo “interno”, non espresso apertamente, in modo costante. Si può manifestare inoltre in maniera episodica o cronica, continuativa. Per questi motivi si parla di “personalità spezzata”, alternata, che esce a tratti violenta o solo diversa dalla quotidianità. Ma torniamo al caso delle gemelline e dell’assurda quanto minuziosa sceneggiatura architettata dal padre.

Uno stillicidio, quello delle lettere spedite alla moglie, un gesto profondamente crudele o forse estremamente tipico di questo tipo di patologia? Difficile dirlo, almeno finché non saranno ricostruite tutte le sue mosse, fino a quando non verranno chiariti tutti i dubbi che sono rimasti in piedi. Soprattutto: le bimbe sono veramente morte? Nella lettera diffusa alla stampa dagli inquirenti Matthias afferma:

“Sarò l’ultimo a morire, le bambine non hanno sofferto e ora riposano in un luogo tranquillo”.

Il NON, riferito alla sofferenza sarebbe sottolineato due volte. Ma cosa significa? Insistere sul concetto o velatamente dichiarare che non è vero quello che sta scrivendo? Il cuore di Irina Lucidi, mamma delle gemelline, opta per questa seconda opzione. Potrebbe essere, ce lo auguriamo tutti. Del resto chi ha conosciuto l’uomo lo descrive come una persona tranquilla e soprattutto un padre affettuoso e protettivo. Questa alternanza di personalità è tipica di alcuni disturbi psicotici, in primis proprio la schizofrenia. O forse il suo gesto di estrema follia, permeata di desiderio di vendetta vuole solo dimostrare alla ex moglie il suo incubo dopo la separazione: non avere le bambine. E’ difficile che sia così. Ma la schizofrenia è una delle malattie mentali più complesse che si conoscano.

[Fonte: ADNKronos]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>