Troppi compiti e pressioni: scolari italiani ansiosi e depressi

di liulai Commenta

Ragazzi in età scolare sempre più depressi. A lanciare l’allarme è l’autorevole British Association of Teachers and Lecturers (Atl, Associazione dei Docenti e Professori), che individua le cause del crescente malessere nell’eccessivo carico, imposto dai programmi ministeriali, di compiti a casa. Secondo l’Associazione, la pressione esercitata nei confronti dei bambini li renderebbe “infelici e ansiosi“.

Per questo si pensa ad una “revisione” del piano dei compiti da fare a casa. Che non devono essere vissuti come un obbligo, ma come un’abitudine degli allievi a lavorare anche fuori dalla classe. E la famiglia? Tra le cause di un fenomeno depressivo sempre più evidente, anche “la disgregazione sociale e le rotture familiari“, ree di nuocere “alla riuscita scolastica e alle performance di scuole e istituti privati“.



In particolare, l’Unicef ha reso noto, nel 2007, che i bambini britannici sono i più infelici del mondo occidentale per via della “mancanza di una coesione sociale nel Paese“, e più di altri a rischio suicidio a causa della “pressione accademica, sociale e dei coetanei“. Bambini che non sono più capaci di fare i bambini: la crescente diffusione di comportamenti anti-sociali, del materialismo e del culto delle celebrità, visibile sin dalle scuole elementari, sarebbe alla base di un’irreversibile “perdita dell’infanzia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>