5 benefici del consumo di muesli

di Valentina Cervelli Commenta

Scopriamo insieme 5 benefici importanti del consumo di muesli. Spesso cibi non diffusi nella propria concezione di pasto rientrano tra i più salutari per il nostro organismo. Come questi insieme di semi ultimamente riscoperto in molte diete.

1. Quantità di fibre perfetta

Il muesli è perfetto per essere consumato come alimento principale della colazione. E’ una riscoperta avvenuta recentemente da parte della popolazione, complici alcun campagne salutiste. Da molti viene considerato immangiabile per via della consistenza: è al contrario un pasto contenente la quantità di fibre perfette per il nostro benessere generale.

2. Pelle e capelli in salute

Il muesli, come risaputo contiene molte tipologie di semi. Tra miglio, semi di girasole ed avena, rappresenta una buona fonte di vitamina A e B, ed è quindi perfetto per dare maggiore resistenza ad unghie e capelli stimolando la produzione di cheratina. E’ possibile definirlo un valido alleato della naturale bellezza.

3. Proprietà diuretiche e digestive

Questo alimento, tra le tante caratteristiche che lo contraddistinguono, possiede anche quella di essere un toccasana sia per la funzionalità renale che per quella intestinale. E dipende molto dai suoi componenti. Proprietà diuretiche e digestive fanno in modo tale che le scorie di ogni tipologia trovino la giusta strada fuori dall’organismo.

4. Fonte di magnesio e potassio

Il consumo di questo insieme di cereali, non sarà adatto a chi soffre di celiachia ma è consigliato a chi soffre di carenza di magnesio e potassio: ne è una buona fonte. Fattore questo che porta le persone che lo consumano ad avere ottime chance di prevenzione nei confronti di disturbi cardiovascolari grazie ad un’azione di stabilizzazione della pressione sanguigna.

5. Abbassa il colesterolo cattivo

Grazie al suo contenuto di vitamina B3 ed diversi antiossidanti,  il muesli è in grado di tenere bassi i livelli di colesterolo cattivo, favorendo quindi una buona circolazione e aiutando a tenere lontane patologie come l’ictus e l’infarto.

Photo Credits | margouillat photo / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>