Anoressia, 4 sintomi da non sottovalutare

di Ma.Ma. Commenta

L’anoressia è un disturbo alimentare più frequente nelle donne rispetto agli uomini e che è purtroppo in forte aumento anche nei bambini. Chi ne è affetto sostanzialmente rifiuta il cibo alla ricerca di un corpo perfetto che, nella mente della persona anoressica, deve per forza essere necessariamente magrissimo. Tanti sono i sintomi da non trascurare di una malattia che può anche rivelarsi molto grave per la salute. Ecco perché un pronto riconoscimento di quelli che sono veri e propri campanelli di allarme può davvero fare la differenza. Scopriamo quali sono i 4 sintomi più comuni dell’anoressia.

1. Perdita di appetito

E’ sicuramente questo il sintomo più evidente per chi soffre di anoressia. Non si ha più fame o meglio, anche in caso di appetito la persona affetta da questo disturbo resiste per raggiungere il suo obiettivo principale: dimagrire.

2. Rapporto ossessivo con la bilancia

La bilancia diventa, per chi soffre di questo disturbo alimentare, una vera e propria ossessione. Calare di peso di giorno in giorno non fa altro che fortificare la volontà di chi ha deciso di non nutrirsi più nel tentativo di diventare più bello esteticamente e più piacevole.

3. Assenza del ciclo

Nelle donne, la perdita di peso repentina provoca molto spesso anche la scomparsa del ciclo mestruale. E’ questo un altro segnale molto importante da cogliere. E’ vero che le mestruazioni possono saltare anche per tanti altri motivi, ma quando la mancanza del ciclo si associa a perdita di appetito e calo di peso è il caso di preoccuparsi.

4. Stanchezza

La stanchezza è un altro dei sintomi tipici della persona anoressica. Senza più cibo il corpo si ritrova privo di energia e si stanca più facilmente.

ANORESSIA BAMBINI, SINTOMI E CURE

I 10 MIGLIORI FILM SULLA ANORESSIA

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>