Colon irritabile, cibi In & Out

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Gentile Dottoressa, probabilmente ho la sindrome del colon irritabile. Posso continuare a mangiare le mele senza buccia, i finocchi crudi, il cavolo bollito e tre volte a settimana l’insalata? L’eliminazione di tali alimenti dalla mia dieta mi renderebbe molto triste. Cordiali saluti.

Specializzazione Nutrizione Clinica
Tipo di Problema Colon irritabile e cibi permessi

Risponde la nutrizionista dottoressa Maria Assunta Coppola: per contatti diretti e visite cell. 328-2761714 – [email protected] a Pompei e Scafati (Na).

Cara Clelia,
la sindrome del colon irritabile presenta una sintomatologia ambigua, che si acutizza ciclicamente e viene influenzata dalla sfera psico-emozionale. Ecco il motivo per cui mi è difficile risponderle, visto che i cibi da lei elencati possono acutizzare i sintomi di meteorismo, stipsi o diarrea e/ crampi addominali in periodi di particolare stress, ma risultare innocui in momenti di serenità. Precauzionalmente mi sento però di sconsigliarle quegli alimenti che potrebbero peggiorarle il gonfiore, quali cavoli, broccoli, verza, legumi non passati e crusca, oltre che ridurre drasticamente caffè, zuccheri semplici, latte e latticini, che possono peggiorare crampi addominali o diarrea preesistente. Mele senza buccia, finocchi crudi e insalata non dovrebbero invece crearle fastidi. Mi tenga aggiornata,
Cordialmente

 

Potrebbero interessarvi anche i segueni post su argomenti simili:

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>