Il fisico non “vuole” dimagrire? Ecco qualche trucco per farlo ripartire

di Marco Mancini 2

Perdere peso, si sa, è una delle cose più complicate che possono avvenire nella quotidianità. Ma se non riuscite a capire come mai, magari partendo con la stessa dieta, una vostra amica ha perso 5 chili e voi nemmeno uno, forse la spiegazione può essere scritta nell’evoluzione. Secondo Enzo Nisoli, docente di Farmacologia dell’Università degli Studi di Milano, intervistato dal Corriere della Sera, questo potrebbe essere un meccanismo di autodifesa.

A causa di un’improvvisa restrizione calorica (ad esempio da un giorno all’altro decidiamo di dimezzare le dosi di cibo):

L’organismo si difen­de da quello che interpreta co­me un rischio per la sopravvi­venza. Già da tempo si sa che la restrizione calorica si ac­compagna ad una riduzione del metabolismo basale, ma recentemente si è osservato che anche l’attività fisica si ri­duce. Questo può trovare una spiegazione nel fatto che la persona sovrappeso, o obesa, dipende per i suoi fabbisogni energetici soprattutto dall’energia cellulare che deriva dai nutrienti della dieta. Il pro­cesso infiammatorio associa­to all’obesità, si accompagna infatti a una riduzione dei mi­tocondri (organelli che produ­cono energia) nei quali vengo­no metabolizzati i grassi.

In definitiva si arriva ad una diminuzione dell’energia cellulare che ci fa sentire “stanchi”, e quindi ci sottrae anche quel minimo di volontà di fare attività fisica. Ma come fare per sbloccare questa situazione, e riprendere il vecchio metabolismo? Dopo il salto qualche consiglio.

1) Concedersi una pausa. Il suggerimento arriva da Alfredo Va­notti, responsabile del Servi­zio nutrizione clinica e dieteti­ca Asl della Provincia di Como, il quale spiega che, se il metabolismo basale si è ridotto come nell’esempio precedente, è bene fermare la dieta e tentare di stabilizzarlo per qualche mese. Ovviamente senza darsi alla pazza gioia, ma controllando sempre ciò che si mangia e facendo attività fisica costante. Una volta che il metabolismo si è stabilizzato, potremo ripartire gradualmente con il programma della dieta, senza strappi.

2) Puntare sul gusto. Spiega Giu­seppe Fatati, presidente del­l’Associazione italiana dieteti­ca e nutrizione clinica, che molte volte le diete non funzionano perché annoiano o semplicemente non sono gradite al paziente. Meglio dunque puntare su quelle diete che prevedono alcuni dei nostri cibi preferiti, compresi i dolci, ma senza esagerare. Senza ovviamente dimenticare che l’attività fisica è importante, e non significa solo andare a correre per chilometri, ma basta camminare un po’ di più, evitando magari di telefonare a chi sta nella stanza a fianco, o prendere la macchina per arrivare al prossimo isolato.

3) Severità a fasi alterne. Agostino Paccagnella, respon­sabile dell’Unita di malattie del metabolismo, diabetolo­gia e nutrizione Clinica del­l’Asl di Treviso, consiglia di non seguire immediatamente una dieta rigida, ma di diminuire lentamente l’apporto calorico nella fase iniziale, aumentado la severità solo successivamente, e puntando man mano su diversi nutrienti. Se necessario, si può ricorrere anche ai farmaci.

4) Tenere un diario alimentare. Maria Gabriella Gentile, direttore del Centro cura disturbi comportamento alimentare al Niguarda di Mi­lano infine ci spiega che se siamo soggetti a cambiamenti di peso improvvisi o una dieta che stava funzionando, improvvisamente comincia a non funzionare più, uno strumento che ci può aiutare è tenere un diario alimentare in cui segnare ogni pasto, anche il più piccolo, per vedere dove si è “sgarrato” con le indicazioni del medico.

[Fonte: Corriere della Sera]

Commenti (2)

  1. Vorrei dimagrire qualche kg ma nn riesco da qualche settimana ho deciso di mangiare a pranzo la pasta e per cena il secondo,per colazione mangio uno yogurt,ma nn vedo alcun risultato. Cosa faccio?

    1. Io campo così da tempo, ma per abitudine, non come dieta dimagrante. Non sono una nutrizionista o un medico, quindi ti dico di rivolgerti ad uno specialista anche per pochi chili, onde evitare di infilarti in un effetto yo yo. Comunque in generale le regole sono le segg:
      1) trovati mezz’ora di tempo ogni gg o almeno 4 volte a settimana per camminare (o correre) a passo veloce per un minimo di 30 minuti.
      2) fai più spuntini, magari di frutta: non bisogna mai arrivare ad un pasto affamati
      3) se devi soddisfare la gola…..meglio la mattina a colazione, hai tutto il giorno per “bruciare” il cornetto alla nutella, mentre a cena, poi andresti a dormire…..
      4) bevi il giusto, ma di acqua: evita bevande zuccherate, alcol e similari, gonfiano e non fanno bene
      5) ad ogni pasto cerca di abbinare carboiderati, proteine e vitamine. Ovveoro di fare un pasto equilibrato che ti offra tutti i nutrienti: quaesi tra loro si bilanciano e raggiungi la sazietà con un po di pasta, di proteine ed una insalatona soprattutto se un paio di ore prima hai mangiato una bella macedonia!
      6) Varia gli alimenti giorno dopo giorno per soddisfare il palato
      7) ricorda che non esistono pillole magiche o rimedi efficaci se non cambi il tuo stile di vita, con una dieta equilibrata e soprattutto tanto movimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>