Fosforo, a cosa serve e alimenti che lo contengono

di Tippi Commenta

Il fosforo è un minerale essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo. Si trova in tutte le cellule ed è fondamentale per il metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine, per la produzione di energia, stimola le contrazioni muscolari, rinforza denti e ossa ed è coinvolto nella trasmissione degli impulsi nervosi. Vediamo insieme quali sono le sue proprietà e in quali alimenti si trova.

Fosforo: proprietà

Il fosforo accelera il processo di calcificazione delle fratture ossee e riduce la successiva perdita di calcio. Per questa ragione viene usato nel trattamento della osteomalacia e dell’osteoporosi.  Contribuisce anche a prevenire o a curare il rachitismo ed è importantissimo nella cura dei disturbi dei denti e delle gengive.

Fosforo: fabbisogno giornaliero

La dose giornaliera consigliata è di 300 mg/die per i neonati fino a 6 mesi e di 600 mg/die per dai 6 mesi ad 1 anno. Per i bambini da 1 a 10 anni il fabbisogno è di 800 mg/die, dagli 11 ai 24 anni è di 1200 mg/die e dai 25 anni in poi la dose raccomandata è di 800 mg/die. Una carenza di questo minerale è piuttosto rara, poiché il fosforo è presente in molti alimenti, tuttavia quando si verifica, come in caso problemi di malassorbimento (morbo di Crohn, celiachia, sindrome dell’intestino corto e danno da radiazioni), in seguito all’uso prolungato ed indiscriminato di antiacidi, negli alcolizzati (sono a rischio anche i diabetici e i nefropatici), può causare:

  • Difficoltà nella crescita
  • Disturbi ossei (osteoporosi)
  • Disturbi nervosi
  • Stanchezza mentale e fisica
  • Perdita dell’appetito e calo di peso o aumento di peso

Le carenze gravi possono causare convulsioni, coma e persino la morte.

Fosforo: alimenti

Gli alimenti più ricchi di fosforo sono i semi  di zucca, il cacao amaro, il latte, i formaggi (parmigiano, pecorino, groviera, emmenthal), i legumi (soprattutto la soia), i cereali (soprattutto il germe di grano), il pesce (merluzzo, salmone, tonno, spigola), la frutta secca (pinoli, pistacchi, anacardi, mandorle) la carne (soprattutto di ovino).

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>