Il mirtillo può migliorare la memoria negli anziani

di Paola 4

Ricercatori provenienti da Stati Uniti e Canada hanno per la prima volta trovato la prova che un paio di bicchieri di succo di mirtillo al giorno migliorano la memoria negli anziani. I risultati provengono da un piccolo studio sui settantenni che mostrano i primi segni di perdita della memoria, e i ricercatori suggeriscono che i risultati stabiliscono una base per gli studi clinici sui mirtilli, collegati alla memoria.

Lo studio è stato effettuato dal dottor Robert Krikorian, Professore Associato di Clinica psichiatrica dell’Università di Cincinnati Academic Health Center di Cincinnati, Ohio e colleghi, e pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry. Gli autori hanno scritto che vi è una necessità urgente di sviluppare strategie preventive per la demenza, che è in aumento, in concomitanza con l’invecchiamento della popolazione. Ma purtroppo ad oggi non esiste una terapia efficace per essa.

I mirtilli contengono polifenoli, composti in massima parte da antociani, che sono noti per avere antiossidanti e anti-infiammatori, combattono contro lo stress ossidativo che contribuisce ad alcune malattie neurodegenerative e cardiovascolari.

Un’articolo pubblicato sullo stesso giornale nel 2008 aveva suggerito che questi composti hanno effetti benefici anche sul cancro, sull’invecchiamento, sulle malattie neurologiche, infiammazione, diabete e infezioni batteriche. Gli autori hanno anche scritto che studi sugli animali hanno rivelato che contribuisce ad una maggiore comunicazione tra neuroni, un migliore utilizzo del glucosio nel cervello, e coinvolge la funzione della memoria. Sarebbe ragionevole aspettarsi, quindi, che tali composti potrebbe ritardare la neurodegenerazione negli esseri umani.

Per lo studio, Krikorian e colleghi hanno reclutato 9 persone sui 70 anni che mostrano i primi segni di perdita di memoria. Gli hanno chiesto di completare dei test di memoria e di conoscenza, e poi di bere da due a due tazze e mezzo di succo di mirtillo comunemente in vendita nei supermercati.

12 settimane dopo, i volontari sono stati sottoposti agli stessi test. Quando hanno confrontato i risultati prima e dopo, i ricercatori hanno scoperto che i volontari che avevano bevuto il succo di mirtillo avevano migliorato i risultati dell’apprendimento associato al richiamo di un elenco di parole e ai test cognitivi. I risultati hanno anche mostrato una tendenza verso la riduzione dei sintomi depressivi e più bassi livelli di glucosio.

Questi risultati sono stati poi confrontati con i risultati di un altro studio dello stesso modello che coinvolgeva un gruppo di persone con la stessa età e sintomi, ma trattati con un placebo che si pensava fosse succo di mirtillo, ma in realtà del mirtillo aveva solo il sapore. I ricercatori hanno detto che il miglioramento delle prestazioni del gruppo che beveva il mirtillo, rispetto al gruppo del placebo, era netta.

Essi hanno concluso che:

I risultati di questo studio preliminare suggeriscono che un moderato supplemento di  mirtillo può conferire benefici neurocognitivi e creare una base più ampia per la sperimentazione umana per studiare il potenziale di prevenzione e dei meccanismi neuronali. Questi risultati preliminari sulla memoria sono incoraggianti e suggeriscono che la supplementazione coerente con i mirtilli può offrire un approccio al fine di prevenire o attenuare la neurodegenerazione.

[Fonte: Medical News Today]

Commenti (4)

  1. Articolo molto interessante. Segnalo inoltre le proprietà del Ginko Biloba, che sembrerebbe essere un buon aiuto per migliorare la memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>