Obesità infantile, diagnosticabile già a sei mesi

di Paola Commenta

Un team di ricercatori dell’Università del Texas afferma di essere in grado di rilevare l’obesità nei bambini ad appena sei mesi e che moltissimi bambini in questa fascia di età sono obesi e hanno molte probabilità di rimanere obesi con l’avanzare degli anni.

Analizzando i fascicoli medici elettronici dei neonati condotti in visita per i controlli di routine alla University of Texas Medical Branch della Galveston pediatric clinic, i ricercatori hanno scoperto che circa il 16 per cento dei bambini di 6 mesi rientra nei parametri dell’obesità, calcolati in base al peso in rapporto alla lunghezza.
Un’ulteriore analisi dei dati raccolti ha indicato che la maggioranza dei bambini di due anni obesi erano obesi anche a sei mesi, mentre i bambini di due anni non obesi, non lo erano nemmeno a sei mesi.

Le cartelle cliniche dei bambini obesi raramente hanno mostrato un’interesse o una preoccupazione dei medici per l’obesità, nonostante esistano prove consolidate che l’obesità in giovane età e l’obesità più avanti nella vita siano legate, e che l’eccesso di peso è legato a condizioni gravi per la salute come il diabete, le malattie cardiache e l’ipertensione.

“Fino a poco tempo fa, i pediatri non si sono concentrati sull’obesità nei bambini”, ha spiegato il dottor David McCormick, professore di pediatria clinica alla UTMB e autore principale dello studio. “Quello che speriamo di fare con questo studio è allertare i nostri colleghi ed i genitori. Se il controllo del peso attraverso la nutrizione e l’esercizio fisico viene effettuato sin dai primi anni di vita, ci sono maggiori probabilità di riuscita per scongiurare l’obesità”.

“Dobbiamo fare molto meglio sia come medici che come educatori per far sì che si lavori lungo l’intero spettro di età, perché i neonati che sono in sovrappeso hanno più probabilità di essere bambini e adolescenti in sovrappeso, e in più, quando le donne obese avranno a loro volta una famiglia, i loro bambini hanno maggiori probabilità di diventare obesi “, ha proseguito McCormick. “Abbiamo bisogno di affrontare questo dilagante problema attraverso tutte le età e attraverso la gravidanza, perché se una donna è già in sovrappeso quando rimane incinta, è estremamente difficile per lei recuperare il peso forma”.

I pediatri, per affrontare l’obesità infantile, possono raccomandare una serie di misure che altre ricerche hanno dimostrato siano legate al peso sano, misure che dovrebbero essere particolarmente efficaci in quanto le madri dei bambini più piccoli hanno il controllo totale della dieta dei loro figli, rispetto alle madri dei bambini più grandi e degli adolescenti.

“Gli studi hanno dimostrato che l’allattamento esclusivo previene l’obesità”, ha concluso McCormick. “Ottenere abbastanza fibra – mangiare le mele invece di bere succo di mela, per esempio – aiuta anche a tenere il bimbo sulla buona strada per un peso sano. Per contro, l’introduzione precoce ed impropria di cereali aggiunti al biberon del bambino promuove l’obesità”.

[Fonte: McCormick et al., ‘Infant Obesity: Are We Ready to Make this Diagnosis?’, The Journal of Pediatrics, March 2010; doi: 10.1016/j.jpeds.2010.01.028]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>