Salmonella in un hamburger in un supermercato Billa

di Tippi Commenta

Nuovo caso di salmonella. Questa volta è toccato ad un hamburger di tacchino rivenuto in un supermercato nel torinese della catena Billa. I prodotti, sono stati subito sequestrati in seguito alle analisi dell’Istituto Zooprofiliattico di Torino dopo un controllo a campione, che hanno evidenziato la presenza di livelli del batterio superiori ai parametri tollerabili.

A seguito di ciò sono stati disposti i controlli negli altri supermercati, e sono scattate le indagini per violazione della legge sugli alimenti per il dirigente dell’azienda produttrice (la AviCoop che fa parte del gruppo Amadori) e il responsabile dell’igiene della catena dei supermercati Billa.

Cos’è la salmonella

La salmonella è un batterio che si trova in alcuni alimenti animali e può essere trasmesso attraverso le superfici della cucina oppure può trovarsi nell’acqua, nella carne cruda e nelle uova. L’a salmonellosi colpisce l’intestino, causando vomito, febbre, crampi addominali, diarrea, e mal di testa. Di solito, il cibo contaminato non presenta alcuna alterazione percepibile a livello di colore, odore, sapore e consistenza, e il contagio può essere avvenuto al momento della loro produzione, durante la preparazione, oppure dopo la cottura a causa di una manipolazione non corretta degli alimenti.

Come prevenire le infezioni da salmonella

  • lavate accuratamente frutta e verdura prima del consumo;
  • lavate le mani prima, durante e dopo la preparazione degli alimenti, ma anche dopo essere andati in bagno;
  • refrigerate gli alimenti preparati in piccoli contenitori, per garantire un rapido abbattimento della temperatura;
  • proteggete i cibi preparati dalla contaminazione di insetti o animali domestici come rettili;
  • evitate o perlomeno riducete il consumo di uova crude o poco cotte, di gelati e zabaioni fatti in casa, o altri alimenti preparati con uova sporche o rotte;
  • consumate solo latte pastorizzato;
  • evitate le contaminazioni tra cibi, avendo cura di tenere separati i prodotti crudi da quelli cotti.

Photo Credit|ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>