Per smaltire le abbuffate, l’INRAN consiglia il tè rosso

di Tippi Commenta

Contro le abbuffate natalizie e dell’imminente Capodanno l’INRAN, L’Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e la Nutrizione, consiglia il tè rosso, che si ricava da una pianta, il Rooibos, che cresce solo nel Sudafrica e il suo colore ricorda l’alba. Grazie ai suoi principi, infatti, questa bevanda favorisce la digestione in maniera del tutto naturale, aiutando a prevenire anche l’invecchiamento.

Le preziose proprietà del tè rosso sono state confermate da diverse ricerche internazionali. L’ultima è stata condotta da un team di medici spagnoli associato al Centre de Recerca Biomedica presso l’Universitat Rovira i Virgili di Reus e i risultati sono stati pubblicati sulla testata internazionale “Phytomedicine”.

I ricercatori hannno dimostrato come il tè Rooibos sia in grado di proteggere il fegato dall’accumulo di grassi e aiuti a prevenire i disturbi metabolici grazie ai 25 differenti polifenoli (antiossidanti vegetali) contenuti al suo interno.

Come ha spiegato Mauro Serafini, ricercatore INRAN:

Una bevanda come il tè Rooibos può aiutare nella digestione dopo i pranzi e i cenoni natalizi. Grazie alla sua azione antiossidante, aiuta a ridurre lo stress indotto dal pasto, aiutando durante il processo digestivo. Il suo basso contenuto calorico, l’assenza di caffeina, le sue proprietà organolettiche uniche fanno del Rooibos l’alleato ideale per rimettersi in forma e depurare l’organismo appesantito dalle abbuffate natalizie.

Il tè rosso, usato da secoli dalle popolazioni Khoisan, che abitano il Sudafrica e che ne conoscono da sempre le proprietà, ha un sapore aromatico e a differenza del tè tradizionale non contiene caffeina. Gli effetti benefici sono stati particolarmente visibili nei campioni con livelli elevati di grassi nel sangue. Il tè Rooibos ha contribuito a ridurre significativamente il colesterolo, i trigliceridi e gli acidi grassi liberi contenuti nel sangue, mentre i suoi polifenoli hanno modificato il numero e le dimensioni delle cellule grasse e impedito lo sviluppo della steatosi epatica, una patologia legata all’accumulo di grasso nelle cellule del fegato.

Inoltre, questa bevanda stimola l’attivazione dell’AMPK, l’enzima responsabile dell’appetito e del dimagrimento. Per un beneficio ottimale, i medici spagnoli consigliano di bere 6 tazze di Rooibos al giorno.

Photo Credit|ThinkStock