Una nuova malattia mette a rischio i culturisti: l’anoressia nervosa inversa

di Paola Commenta

Avere un bel fisico che si avvicini il più possibile alla perfezione è il sogno di tutti. Ma mentre la maggior parte delle persone si iscrive in palestra solo per stare in forma, per alcuni muscoli e attrezzi diventano talmente un’ossessione da metterli in pericolo.

Quei culturisti che diventano ossessionati dalla grandezza dei loro muscoli, possono soffrire di un disturbo chiamato dismorfismo muscolare o “anoressia nervosa inversa”. Come le persone anoressiche che non riescono a vedere la loro magrezza estrema e pericolosa come qualcosa di diverso di bellezza; il disformismo muscolare, a volte indicato come vigoressia, vede uno sviluppo esagerato della massa muscolare con lo stesso meccanismo psicologico.

In uno studio effettuato presso il Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Stellenbosch, i ricercatori hanno scoperto che il dismorfismo muscolare, definito come una preoccupazione patologica della propria muscolarità, è molto diffuso, soprattutto tra gli uomini. Dopo aver intervistato 24 uomini e quattro donne, tutti concorrenti in una competizione amatoriale di bodybuilding nel Western Cape, i ricercatori hanno trovato che più della metà dei partecipanti di sesso maschile e tre delle quattro donne soffrivano di dismorfismo muscolare.

Sebbene non vi erano differenze nelle attività di bodybuilding tra quelli con dismorfismo muscolare e quelli senza, i medici hanno rilevato una serie di diverse denunce, tra le più frequenti. Quelli con dismorfismo muscolare hanno riportato anche una significativa compromissione in aree importanti della vita quotidiana come il lavoro e la vita sociale. Un terzo ha anche incontrato i criteri diagnostici per il Disturbo da Dismorfismo Corporeo (BDD), per motivi diversi dalla muscolarità.

Questa condizione è definita anche come “bruttezza immaginaria“, cioè un disturbo psichiatrico caratterizzato da preoccupazione patologica di un difetto inesistente o lieve nell’aspetto del corpo. Secondo i ricercatori, si riconosce il dismorfismo muscolare quando:

1. La persona ha una preoccupazione dell’idea che il suo corpo non sia abbastanza magro e muscoloso. Il caratteristico comportamento associato include lunghe ore di sollevamento pesi ed eccessiva attenzione alla dieta;

2. Ciò causa disagio clinicamente significativo o impatti negativi in due o più dei seguenti modi:

  • Problemi con le attività sociali, professionali o ricreative a causa di un bisogno compulsivo di mantenere il proprio programma di allenamento e dieta;
  • Evitare situazioni in cui il loro corpo viene esposto agli altri, o subisce tali situazioni con marcato disagio o ansia intensa;
  • Preoccupazione o disagio clinicamente significativo causano impatto sulla capacità di vivere correttamente;
  • Continuare a lavorare o a seguire la dieta in modo da aumentare le proprie prestazioni con delle sostanze, anche se si sa che possono portare a conseguenze fisiche o psicologiche.

3. Si è ossessionati dall’avere una muscolatura inadeguata.

Questo, come la paura di essere grassi, come nell’anoressia nervosa, o ad una preoccupazione per gli altri aspetti che riguardano apparenza, è una delle forme di BDD. Una serie di studi hanno dimostrato che esiste un’associazione tra dismorfismo muscolare e abuso di steroidi. L’uso di integratori alimentari e di altre sostanze può essere un indizio per la diagnosi, secondo i ricercatori.

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>