Sottopeso, quante calorie e quali cibi per ingrassare in salute?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Buongiorno, da diverso tempo sono fortemente sottopeso: sono una ragazza di 25 anni, sono alta 156cm e attualmente peso 38 kg. Il mio peso precedentemente era di 52kg, stavo benissimo e non mi sono mai fatta problemi per il mio peso. Ho perso peso negli ultimi due anni, progressivamente e da un po’ di mesi mi sono stabilizzata su questo peso. Ho vissuto una situazione di forte stress e un po’ di depressione. Non sono anoressica perché mangio, anche se poco, e psicologicamente mi sento molto meglio di prima negli ultimi mesi. Però sono ancora magrissima, spesso sono stanca e irritabile, soffro molto il freddo e il mio aspetto non mi piace per niente……..

……Gli esami del sangue sono quasi normali: ho solo un po’ di anemia, e non ho mestruazioni da più di un anno (già da quando pesavo 48kg). Mi sforzo di mangiare di più, contando che mi piace molto fare sport ed ho iniziato a lavorare, quindi ho bisogno di energie. Ma a volte tornando tardi la sera sono talmente stanca da non avere fame (mangio lo stesso, però fatico ad aumentare le dosi in questo modo). Cerco di fare un po’ di allenamento almeno tre volte a settimana: sci, vogatore o cyclette o tapis roulant, o palestra. Quante calorie dovrei assumere giornalmente per avere un incremento di peso e quali cibi dovrei privilegiare? Cerco di mangiare in modo equilibrato ma forse dovrei aumentare le quantità, e i dolci spesso li evito perché non molto sani (ma a volte mi chiedo se effettivamente un dolce al giorno mi possa fare male in questa situazione, probabilmente è meglio non farsi problemi finché non si è tornati a una situazione normale). Grazie dell’aiuto!

Specializzazione Nutrizione Clinica
Tipo di Problema quasi anoressia

 

Risponde la nutrizionista dottoressa Maria Assunta Coppola: per contatti diretti cell. 328-2761714 – [email protected] a Pompei e Scafati (Na).

 

Carissima,
purtroppo non ho abbastanza elementi per inquadrarla e darle indicazioni precise, ma il suo peso è veramente basso per la sua altezza e la sua età, e l’astenia, la sensazione di freddo e l’assenza di ciclo da più di un anno mi porta ad ipotizzare una condizione di forte malnutrizione. Confermata dal suo BMI pari a 15,6, ovvero sottopeso. Mi racconta di aver perso peso in seguito un forte stress e un periodo di depressione, che probabilmente l’ha portato a nutrirsi meno e peggio. Ora dice di sentirti meglio, e di mangiare, ma non riesce a recuperare peso. Immagino che la dieta non sia ancora equilibrata in termini di nutrienti e calorie, almeno non sufficientemente da soddisfare il suo fabbisogno calorico che, per quanto ridotto a causa del sottopeso, non scenderà al di sotto delle 1200 kcal/ giornaliere. Inoltre afferma di svolgere molto sport, ma ha optato per quelli sbagliati. Gli esercizi aerobici o cardio che svolge (sci, vogatore,cyclette o tapis roulant) portano solo ad incrementare una condizione di catabolismo muscolare già in atto, e a peggiorare il suo dispendio calorico, non compensato da una giusto apporto di nutrienti alimentari. Il mio consiglio è dunque di rivolgersi ad un collega della sua zona, che attraverso un anamnesi e una visita specifica, corredata di esami ematochimici, può indirizzarla ad un’alimentazione adeguata al suo fabbisogno e alle sue esigenze, magari che viri verso i carboidrati complessi e le proteine, più che ai semplici dolci, e ad un’attività fisica consona alla sua composizione corporea. Con un piccolo sguardo alla sfera psicologica, che probabilmente andrebbe indagata in maniera più approfondita. Mi tenga aggiornata,
in bocca al lupo!

 

>> Leggi qui tutte le risposte della Dottoressa Maria Assunta Coppola

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>