In aumento i casi di celiachia e di depressione

di Tippi Commenta

Sembra che chi soffra di celiachia, e in particolar modo le donne, sia più soggetto a sviluppare la depressione e i disturbi alimentari come l’anoressia e la bulimia. A sostenerlo, è un nuovo studio condotto da un team di ricercatori della Pennsylvania State University, e pubblicato su “Chronic Illness”.

Gli esperti, hanno preso in esame 177 donne di età superiore ai 18 anni, con diagnosi di celiachia, a cui è stato chiesto di rispondere ad una serie di domande, attraverso il web, basate sulle proprie esperienze fisiche, emozionali e comportamentali. In questo modo, gli scienziati hanno indagato a fondo cosa comportasse una dieta senza glutine, hanno valutato i sintomi, e come questi interferissero con le funzioni fisiologiche, le esperienze vissute, e la gestione dello stress, ma non solo, anche i sintomi della depressione clinica, la frequenza dei pensieri e dei comportamenti associati al mangiare e all’immagine corporea di sé.

Come ha spiegato il professor Josh Smyth, che ha coordinato lo studio:

E’ facile notare come le persone che non riescono a gestire la malattia provano spesso malessere e, di conseguenza, sono più stressati e hanno tassi più alti di depressione, tuttavia i ricercatori fino ad oggi non avevano attentamente esaminato se le persone che sono celiache, ma in grado di gestire la malattia, presentino un rischio maggiore per questi problemi.

I ricercatori, infatti, hanno scoperto come l’adozione di una dieta senza glutine da parte dei partecipanti coincidesse con una maggiore vitalità, livelli più bassi di stress, diminuzione dei sintomi depressivi, tuttavia, anche chi gestiva molto bene la propria malattia riportava comunque episodi più frequenti di depressione e una serie di questioni raggruppate intorno all’immagine corporea, il peso e la forma fisica in misura maggiore rispetto alla popolazione generale.

In conclusione, lo studio sembra suggerire che anche se la celiachia viene gestita in maniera corretta può essere fonte di stress, che a sua volta, può essere la molla scatenante di problemi psicologici legati all’immagine di sé e di sintomi depressivi.

Photo Credit|ThinkStocks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>