La diarrea: inconvenienti in viaggio /2

di liulai 1

La diarrea è il disturbo contrario alla stipsi, abbastanza frequente fra i viaggiatori. Può essere causato da un’infezione intestinale di origine virale o batterica, da una terapia antibiotica, da un’alimentazione scorretta. La diarrea provoca a sua volta disidratazione e astenia, a causa dell’anomala fuoriuscita di liquidi, con conseguente perdita eccessiva di sali minerali e altre sostanze nutritive.

Contrariamente a un pregiudizio diffuso, bisogna bere molto e ridurre l’assunzione di cibi solidi, sostituendoli con alimenti liquidi o semiliquidi altamente energetici e digeribili, fra cui è molto indicato lo yogurt. Utile è anche l’acqua di riso, che rallenta il transito intestinale. Infine, l’intestino va aiutato a ritrovare il suo equilibrio con prodotti specifici.



Per riportare ordine nell’ intestino si utilizzano da tempo i “fermenti lattici” ricchi di microrganismi “buoni” che contribuiscono a riportare in equilibrio la flora batterica alterata. Ma,oggi, la scienza medica ha definito una nuova tipologia di fermento lattico: il probiotico che deve avere le seguenti caratteristiche:
  • resistere ai succhi gastrici e alla bile
  • arrivare attivo nell’intestino
  • aderire alle pareti intestinali
  • riprodursi al posto dei microrganismi che causano la diarrea
  • avere un’azione positiva per il benessere dell’uomo

Grazie a queste proprietà specifiche il probiotico agisce in modo rapido e duraturo. È quindi molto consigliabile portarlo sempre con sé quando si intraprende un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>