CLA (acido linoleico coniugato) per dimagrire

di Cinzia Iannaccio Commenta

L’Acido Linoleico Coniugato (noto anche come CLA) è un acido grasso utilizzato come ausilio per dimagrire, sotto forma di integratore. Ma funziona veramente? E può far male? Scopriamolo insieme.

cla per dimagrire

Acido Linoleico Coniugato funziona?

L’Acido Linoleico Coniugato (CLA) è disponibile in natura nei prodotti lattiero caseari e nella carne. Si ritiene che la sua supplementazione abbia diversi benefici: aiuterebbe a ridurre il grasso e dunque a dimagrire, a tenere sotto controllo il colesterolo e a formare i muscoli. Uso il condizionale perché finora i risultati della ricerca scientifica al riguardo sono ancora piuttosto contrastanti soprattutto in relazione alla perdita di peso.

Uno studio revisionale sul CLA e la perdita di peso pubblicato nel Journal of Clinical Nutrition nel 2007, ha concluso che gli integratori nutrizionali di tale Acido Linoleico in dose di 3,2 milligrammi al giorno possono indurre una “modesta perdita di grasso corporeo.” Nello stesso anno, un altro lavoro scientifico – pubblicato sulla rivista Public Health Nutrition – ha analizzato le ricerche condotte su CLA ed obesità dal quale non è emerso alcun effetto significativo. Anzi, un suo componente (dell’integratore CLA) è risultato avere un impatto negativo sul metabolismo degli zuccheri contribuendo alla resistenza all’insulina. Tuttavia, l’ultima revisione del 2011 del Journal of Obesity- che guardava ad una serie di integratori per la perdita di peso come anche il chitosano ed i semi di chia- ha dimostrato una certa efficacia. Ciò che necessita ancora di approfondimenti è la questione che riguarda la sicurezza di questi integratori.

 

L’Acido Linoleico Coniugato fa male?

E’ fondamentale se si utilizzano questi integratori per dimagrire fare attenzione alla glicemia e ai livelli di insulina che possono esserne influenzati negativamente. Se si sta cercando di perdere peso non bisogna mai pensare che un supplemento possa far dimagrire in assenza di una dieta sana, equilibrata, ipocalorica ed un regolare esercizio fisico. E’ sempre meglio rivolgersi ad uno specialista della nutrizione evitando il fai -da-te. Integratori ed erbe mediche non sono prive di effetti collaterali, specie per chi soffre di alcune malattie o assume farmaci per le suddette.

 

Leggi anche:

Guggul per dimagrire e tiroide, funziona? Quali rischi? | MedicinaLive

Ipotiroidismo ed integratori per dimagrire | MedicinaLive

 

 

Foto: Thinkstock