Anticoncezionale, quale metodo migliore e più sicuro? (FOTO)

di Valentina Cervelli Commenta

Si ha bisogno di un metodo anticoncezionale più sicuro e funzionante dell’evitare di eiaculare dentro una donna se si vogliono evitare delle gravidanze indesiderate. Vediamo insieme quale è il metodo anticoncezionale, naturale o no, più sicuro.

Metodo anticoncezionale Persona

Il contraccettivo Persona rientra tra i metodi più innovativi presenti attualmente sul mercato. Parliamo di un apparecchio molto simile ad un computer portatile che consente alla donna di scoprire quali giorni sono fertili o meno attraverso l’analisi dei suoi livelli ormonali. Se il dispositivo da segnale rosso ovviamente bisogna astenersi dal rapporto sessuale perché vi è il rischio di una gravidanza, se il colore è al contrario verde si può fare sesso tranquillamente. Il metodo contraccettivo Persona si trova in commercio ad un prezzo di circa 80 euro.

Pro

Non è un farmaco, è facile da utilizzare, è perfetto per relazioni stabili ed è possibile acquistarlo in farmacia senza prescrizione medica.

Contro

Vi è un 6% di possibilità di errore quindi bisogna accettare l’idea che una gravidanza potrebbe verificarsi comunque. E’ necessaria la prova dell’urina almeno 8 volte durante ogni ciclo mestruale. E importante, non protegge dalle malattie veneree.

Spirale

Il metodo contraccettivo della spirale è un dispositivo di plastica a forma di T che viene inserito nell’utero della donna per evitare che lo sperma raggiunga la cervice. Alcune tipologie sono pensate per rilasciare progesterone e combattere in modo più diretto gli spermatozoi ampliando l’effetto del filo di rame che la compone.

Pro

Ha una efficacia pari al 99%, un costo solitamente contenuto e viene inserita facilmente dal ginecologo. Non crea problemi nel corso del rapporto sessuale. Può essere rimossa in ogni momento e quelle in vendita attualmente hanno una validità pari a 5 anni.

Contro

Non protegge dalle malattie veneree, immissione e rimozione sono a carico del ginecologo e la sua presenza può far salire la gravità dei dolori mestruali. Può essere causa di sterilità per colpa di infezioni che possono sopraggiungere.

Anello

Il metodo anticoncezionale dell’anello funziona in modo analogo alla pillola. Esso viene inserito nella vagina e rilascia degli ormoni che impediscono l’ovulazione e la gravidanza. La sua durata è di 3 settimane, dopodiché deve essere rimosso e la donna deve prendere una “pausa” di una settimana, che coinciderà con l’arrivo delle mestruazioni. Reinseritene uno nuovo alla fine dei 7 giorni “liberi”.

Pro

Se utilizzato correttamente ha un’affidabilità del 99%.

Contro

Sbalzi d’umore, seni sensibili, sanguinamento irregolare, rara la sua fuoriuscita. Non protegge dalle malattie.

Diaframma e spugna

Il diaframma è una cupola di silicone chirurgico, mentre la spugna è un piccolo disco di plastica contenente spermicida che vengono inseriti in vagina per evitare che lo sperma raggiunga la cervice.

Pro

Facilità di immissione autoctona.

Contro

Bisogna ricordarsi sempre di averli dietro, devono essere inseriti ogni volta che si ha voglia di fare sesso. Non protegge dalle patologie a contagio sessuale.

Preservativo maschile e femminile

Principalmente costruiti in lattice il preservativo maschile e il condom femminile sono un metodo anticoncezionale molto comodo da usare. Il primo deve essere srotolato sul membro maschile a ricoprirlo, quello femminile inserito in vagina.

Pro

Sia quello maschile che quello femminile sono gli unici in grado di proteggere dalle malattie a trasmissione sessuale, sono facili da inserire (più semplice srotolare quello maschile sul pene, N.d.R.) e possono essere usati al bisogno. Efficacia alta.

Contro

Devono essere conservati in modo adeguato, il calore è un nemico. Quelli in lattice non devono essere utilizzati con lubrificanti a base di silicone.

Barretta, cerotto e pillola anticoncezionale

 

I metodi contraccettivi più diffusi di tipo ormonale sono il cerotto e la pillola anticoncezionale. Il primo deve essere apposto sul braccio ogni settimana, la pillola assunta ogni giorno secondo quanto indicato dal ginecologo con una settimana di stop per permettere l’arrivo delle mestruazioni. Un metodo innovativo consiste nella barretta. Essa viene posta sottopelle e per un anno consente di mantenere protetta la donna da gravidanze indesiderate.

Pro

Alta affidabilità, nessun bisogno di dispositivi “meccanici” da inserire.

Contro

Non difendono da malattie veneree e coinvolgendo ormoni vi è la necessità di verificare se è possibile assumerli o utilizzarli senza problemi.

Photo Credit | Wikipedia, Thinkstock, Webmd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>