Disfunzione erettile, le storie di “Dire fare amare”

di Valentina Cervelli Commenta

Le storie di “Dire fare amare” sulla disfunzione erettile, condivise dalla SIA , la Società Italiana di Andrologia, in occasione della Festa del Papà del prossimo 19 marzo ci aiutano a comprendere come questa patologia possa rappresentare un vero e proprio trauma psicologico per gli uomini che ne soffrono.

uomo con cartello con scritto problema

Un disturbo che conduce i pazienti a vivere in modo negativo la propria vita, causando nervosismo, tensione ed ansia che possono portare ad ulteriori problemi di erezione.  La malattia, nella sua interezza non va sottovalutata: le statistiche ci indicano che almeno 3 milioni di italiani ne sono affetti ed che i suoi sintomi si manifestano almeno una volta sul 50% degli uomini di età compresa tra i 4o ed i 70 anni. Le storie di “Dire, fare, amare” sono racconti veri di persone che soffrono di disfunzione erettile che danno modo con leggerezza, ma contemporaneamente con serietà, di comprendere il peso che apporta il problema sulla psiche di chi ne soffre. Commenta il dott. Paolo Turchi, dell’Ospedale di Prato:

La disfunzione erettile viene spesso vissuta dall’uomo che ne è affetto come una perdita di identità di genere e una sconfitta della propria virilità. Le storie vere raccontate nel progetto “Dire fare amare”, promosso dalla Società Italiana di Andrologia con il supporto di Eli Lilly, permettono di scavare nello stato d’animo che un problema di erezione può generare, in modo incontrollato e irrazionale.

E come lui stesso spiega, invece di una chiusura è necessaria una reazione immediata, che deve constare nel dialogo con il/la propria partner ed il rivolgersi ad uno specialista che possa individuare le cause e mettere a punto la terapia  farmacologica più efficace accompagnata, quando necessario, ad un supporto psicologico. Spesso un approccio di questo genere basta a risolvere il problema ed a riportare la situazione alla normalità.

Non si deve pensare di “essere soli”: la disfunzione erettile è il primo disturbo sessuale per importanza in Italia e se non curata può cronicizzarsi e apportare una serie di conseguenze tra le quali insicurezza e depressione. Senza contare che può rappresentare un primo sintomo di una patologia cardiovascolare nascosta e per questo ancora più importante da comprendere.

I racconti sono stati scritti da Luca Masia e liberamente ispirati alle storie di un giornalista televisivo e di un autore teatrale, sono disponibili gratuitamente sul sito della Società Italiana di Andrologia.

Photo Credits | Estrada Anton / Shutterstock.com