Bambino malato di cancro, la storia in un videogame

di Ma.Ma. Commenta

Un videogame che racconta il lungo calvario di Joel Green, bambino del Colorado colpito da una forma rara di cancro ad appena un anno e morto nel marzo del 2014, dopo quattro anni di dura battaglia. E così i genitori del piccolo, Ryan e Amy, hanno voluto che il loro bambino diventasse protagonista di un gioco che ripercorresse le tappe salienti della sua malattia.

Il videogioco si intitola That Dragon, Cancer, ed esce oggi 12 gennaio 2016: i pareri su chi lo ha testato prima della messa in commercio viaggiano tutti in una unica direzione, quella che porta verso la tristezza e il dolore di un bambino piccolo costretto a combattere il cancro e costretto anche ad arrendersi, dopo una battaglia difficile e molto dolorosa, per lui e per le persone che gli sono state accanto. I genitori del piccolo, che hanno voluto fortemente che questo progetto si realizzasse per rendere omaggio a un bimbo forte come Joel Green, hanno detto:

Un videogioco contemplativo, di narrazione, che racconta la battaglia contro il cancro di nostro figlio Joel attraverso un’interazione poetica e artistica. […]  Il focus è stare con Joel e affrontare lo sviluppo della vicenda insieme a noi piuttosto che scegliere tra una lista di opzioni per cambiare la storia. Non permettiamo al giocatore di modificare il finale perché è stato già scritto

E infatti nel videogame che racconta la storia del bambino malato di cancro, il giocatore ha un ruolo molto limitato: può giocare con Joel, aspettarlo mentre il piccolo è a fare terapia, fermare il suo pianto quando il dolore è troppo da sopportare. Questo perché, come hanno anche voluto sottolineare i genitori del piccolo Joel, il destino del bambino era già deciso (purtroppo) da qualcun altro.

Ti potrebbe interessare anche:

BAMBINI AL CELLULARE RISCHIANO TUMORI AL CERVELLO

BAMBINI, ALCUNI VACCINI PROTEGGONO DAL CANCRO

Photo Credits | sumroeng chinnapan / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>