L’allattamento al seno più emozionante che si sia mai visto

di Ma.Ma. Commenta

Una storia dolcissima, segno che l’amore per un figlio vince sempre. E’ quella di una giovane madre che riesce ad allattare al seno il piccolo appena nato nonostante una diagnosi di cancro alla mammella arrivata a metà gravidanza. Una sberla fortissima nel bel mezzo di una delle esperienze più belle per una donna. E l’inizio di un percorso lungo e tortuoso, che porta la giovane futura madre a sottoporsi a chemioterapia, nonostante la gravidanza in corso, per cercare di sopravvivere insieme al bambino che di lì a poco vedrà la luce.

La storia è documentata da una splendida foto fatta dalla professionista Kate Murray che la pubblica poi sul suo profilo Facebook accompagnata da bellissime parole che inneggiano alla forza, alla purezza dell’amore che lega una madre al proprio figlio. E a quella determinazione che accomuna quel piccolo essere alla donna che lo ha messo al mondo, forte e volenterosa di farcela, nonostante la malattia. Il cancro al seno che ha colpito la giovane donna a metà gravidanza è di quelli piuttosto seri: la diagnosi è terzo stadio. Non solo la paziente necessita di chemioterapia per cercare di guarire, ma si deve necessariamente sottoporre all’asportazione chirurgica della mammella.

Una batosta dura da digerire soprattutto in un momento come quello della gravidanza. E invece la foto che immortala la mamma insieme al suo piccolino è da batticuore: lui così attaccato alla vita, si attacca anche all’unico seno rimasto della madre per nutrirsi e cominciare il suo lungo percorso. Lei, incredula di poter allattare il suo bambino e stringerlo tra le braccia, lo guarda estasiata e non trattiene le lacrime davanti a una scena così toccante.

 

E la foto, nel giro di pochissime ore, diventa virale. Moltissime le persone che la condividono, per rendere pubblica una storia di amore e coraggio davvero molto bella, nonostante la tragicità della malattia.

Photo Credits | Telefuturo

Photo Credits | Twitter Mercedes Domenech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>