Morbo di Parkinson, a 33 anni Emma torna a scrivere | VIDEO

di Ma.Ma. Commenta

Una storia bellissima, che dona speranza a molte persone malate di Morbo di Parkinson, è quella che vede protagonista Emma Lawton: appena 33 anni e già quattro anni alle spalle in cui ha dovuto combattere con i sintomi tipici di questa malattia, primo tra tutti, il tremore.

parkinson tremore

Già, quel tremore che le aveva impedito di continuare a fare il suo lavoro, quello di grafica, perché tenere in mano una matita era diventato impossibile, così come provare a scrivere o a tracciare linee rette. La vita di Emma però è davvero cambiata grazie a una speciale penna creata da Haiyan Zhang che le ha permesso di contrastare in modo efficace il tremore tipico del Morbo di Parkinson e tornare a scrivere a a disegnare come una qualsiasi persona sana. Una vita ripresa in mano dopo quattro anni di difficoltà per affrontare una malattia arrivata in giovanissima età e che le aveva condizionato enormemente l’esistenza.

La speciale invenzione altro non è che una penna messa a punto con un meccanismo speciale in grado di contrastare il tremore tipico dei pazienti con Morbo di Parkinson. Si riproducono delle vibrazioni che vanno a neutralizzare gli effetti negativi del tremore sulla capacità di scrivere e/o disegnare. La speciale penna è collegata a una sorta di braccialetto da legare al polso e che neutralizza il tremore: Emma Lawton riesce a tenere in mano la penna e a scrivere il suo nome, come documentato anche dal video, poi trasmesso dalla BBC, nel quale questa giovane trentenne reagisce con grande commozione davanti al suo nome scritto sul foglio bianco. Un solo nome, Emma, scritto con linee decise e non tremolanti. Un vero e proprio miracolo, così lo definisce la ragazza nel video, che le dona nuove speranze e la voglia di guardare con ottimismo al futuro. Una storia emozionante che può essere di aiuto a tutti coloro che si ammalano di Morbo di Parkinson anche giovanissimi e che nel giro di poco tempo si vedono sfilare da sotto il naso la possibilitò di compiere quelle azioni che un tempo sembravano essere così scontate. Una storia a lieto fine che potrete seguire nel video sottostante.

Ti potrebbe interessare anche:

PARKINSON, DAI FARMACI ALL’ASSISTENZA

MORBO DI PARKINSON, DIAGNOSI CON NUOVI CRITERI