Spondilite anchilosante, la storia di Sulami che non può muoversi

di Sveva Commenta

Dall’Indonesia arriva una storia triste e al limite dell’inverosimile: è quella di Sulami, donna di 35 anni affetta da spondilite anchilosante, malattia che ha reso il suo corpo rigido e incapace di compiere qualsiasi movimento.

spondilite anchilosante

La spondilite anchilosante, detta anche malattia della spina di bambù, è una patologia reumatica sistemica, cronica e autoimmune che può presentarsi anche in forma molto grave. E’ questo il caso della trentacinquenne indonesiana che da anni è costretta a stare a letto perché il suo corpo è così rigido da impedirle qualsiasi genere di movimento.

A essere colpita dalla malattia è soprattutto la schiena: quella di Sulami è incapace di flettersi e questo le impedisce ovviamente una serie di movimenti anche semplici. La giovane viene accudata giorno e notte dalla nonna che la aiuta a compiere qualsiasi azione: sedersi, camminare, alzarsi dal letto è diventato impossibile per Sulami se non c’è qualcuno ad aiutarla. I primi sintomi sono cominciati a comparire molti anni fa ma negli ultimi anni le condizioni di salute della giovane sono molto peggiorate. Ad oggi non c’è una cura: la spondilite anchilosante è una malattia che progredisce con ritmi e tempi diversi da persona a persona. I sintomi iniziali ricorrenti di questa malattia sono mal di schiena, dolore e gonfiore in altre parti del corpo, estrema stanchezza. In alcuni soggetti però questi sintomi peggiorano molto lentamente, consentendo una vita tutto sommato dignitosa a chi ne soffre. Non è questo il caso della trentacinquenne indonesiana, costretta in un letto ormai da troppo tempo.

Foto | twitter.com/NET_CJ