Paralizzata muove il braccio robotico con il pensiero: il video

di Valentina Cervelli Commenta

Guidare un braccio robotico attraverso il pensiero. Non è fantascienza: è ciò che è accaduto negli Stati Uniti, grazie ai ricercatori della facoltà di medicina dell’Università di Pittsburgh. Una donna, Jan Scheuermann, paralizzata dal collo in giù da diversi anni è riuscita a mangiare da sola una tavoletta di cioccolata.

Un gesto al quale una persona sana quasi non pensa mentre lo esegue, ma che per Jan è stato come un nuovo inizio. Il movimento del braccio robotico attraverso il pensiero è stato possibile grazie ad alcuni sensori impiantanti nella corteccia cerebrale.  Nel corso di questi ultimi anni sono stati molti i progressi raggiunti dalla ricerca in merito alla robotica ed all’interfaccia “cervello-macchina”. Ma mai fino ad ora si era giunti ad un livello simile. Si tratta di un risultato davvero senza precedenti. Lo studio nel quale viene spiegato come si è giunti a tale sperimentazione è stato pubblicato recentemente sulla rivista di settore The Lancet.

La donne ha 53 anni e da tredici è affetta da degenerazione spinocerebellare.  Grazie ai sensori impianti nella corteccia cerebrale ha potuto muovere, spostare ed afferrare oggetti come se fosse in grado di utilizzare il suo arto. I sensori, grazie a un centinaio di microaghi per ciascuno, hanno captato l’attività elettrica delle cellule cerebrali della donna, trasformandole in comandi. Ci sono volute 14 settimane, ma ora la donna riesce a controllare il braccio con facilità, fattore questo che ha portato i ricercatori ad essere ottimisti rispetto ad una più ampia applicazione medica di questo strumento. Commenta il coordinatore dello studio Andrew Schwartz:

Penso che questa tecnologia possa diventare terapeutica per le persone con lesioni spinali, perché possono svolgere compiti e attività utili nella loro routine.

Al momento l’unico problema da affrontare è quello di evitare che il cervello crei del tessuto cicatriziale sul sensore al fine di non degradare il segnale di questi speciali elettrodi. Intanto i ricercatori stanno lavorando per poter impiantare la macchina anche sulla sedia a rotelle della donna, rendendola quindi più autonoma. Qui in calce potete vedere il video dei progressi della paziente.

Fonte | The Lancet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>