leonardo.it

Video malato terminale: “perché voglio l’eutanasia”

 
Valentina Cervelli
1 dicembre 2012
Commenta

video malato terminale perchè voglio eutanasia

Un video toccante, quello di Gilberto, e che colpisce il cuore. La sua storia è comune a molte persone. Malato terminale di cancro al fegato, è divenuto testimonial della richiesta di legalizzazione dell’eutanasia in Italia. Quello della “morte dolce” è un tema  tra  i più dibattuti in medicina. E’ giusto dare alle persone il diritto di mettere fine alla propria vita legalmente in caso di malattia? Gilberto ama la vita e nel video spiega perché vorrà scegliere di morire.

Il problema dell’eutanasia non è un problema di tipo medico, non si sta discutendo di ricercare un modo per morire, quando di decidere quando. Un discorso molto vicino a quello del testamento biologico e alla possibilità di dire no all’accanimento terapeutico. Il problema è di tipo etico: è possibile permettere ciò e dare modo ad un malato di decidere per conto suo quando dire definitivamente basta? Gilberto è il protagonista del video per la legalizzazione dell’eutanasia in Italia, prodotto dall’Associazione Luca Coscioni  e presentato ieri alla Camera dei Deputati. L’uomo aveva risposto all’appello “A.A.A. Malati terminali cercasi” dell’associazione ed ora dà la sua testimonianza in merito. Ecco cosa spiega nel video, delle durata di tre minuti che è possibile visionare anche nel sito della campagna.

La mia preoccupazione è che questo tumore cominci a prendere il cervello e non sono più nelle condizioni di intendere e volere. Voglio decidere di smettere di vivere quando non potrò più fare le semplici cose che faccio adesso.

Tra qualche giorno sarà disponibile in rete anche lo spot breve con la richiesta.  L’Associazione Luca Coscioni si batte da tempo su queste tematiche per dare modo alla persona di esprimere il proprio parere e poter decidere da solo. Sia eticamente che umanamente l’eutanasia non è un concetto facile da affrontare, soprattutto per le implicazioni morali e legali che sono ad essa legate. Diverso discorso quello del testamento biologico, ancora osteggiato in Italia. Un simile documento, se approvato potrebbe non solo stabilire un codice di comportamento in caso di malattie terminali ed impossibilità della persona di esprimere il proprio consenso alle terapie, ma potrebbe limitare in qualche modo anche la ricerca di un’eutanasia oggettivamente quasi impossibile da accettare.

Eutanasia Legale

Photo Credit | Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Video Raul Bova vs Aids: preservativo e test HIV

Video Raul Bova vs Aids: preservativo e test HIV

E’ online il video istituzionale della campagna per la lotta all’AIDS 2012-2013 voluto dal Ministero della Salute che ha come protagonista e regista l’attore Raul Bova. In linea con l’obiettivo […]

Salute: quando la prevenzione passa dalle immagini “forti”(video)

Salute: quando la prevenzione passa dalle immagini “forti”(video)

L’ultimo caso in ordine di apparizione è quello dello spot a favore della raccolta dei fondi con il 5X1000 finalizzati alla ricerca scientifica sul diabete di tipo 1. Eppure non […]

Come misurare i battiti del cuore (video)

Come misurare i battiti del cuore (video)

La prevenzione sbarca su You Tube. Non è la prima volta, d’altra parte, che i medici scelgono il social web come canale di informazione e prevenzione. Per raggiungere un pubblico […]

L’eutanasia diventa legge in Lussemburgo

L’eutanasia diventa legge in Lussemburgo

Mentre in Italia si discute sul testamento biologico, in Lussemburgo si prende una decisione ancora più estrema: da oggi l’eutanasia è permessa per legge. A stabilirlo è stato il Parlamento […]

Malato di sclerosi laterale amiotrofica registra testamento biologico

Malato di sclerosi laterale amiotrofica registra testamento biologico

Si fa un gran parlare di difesa della vita senza tenere conto di un’altra importante libertà individuale da tutelare: quella di scegliere. Così, un ammalato di sclerosi laterale amiotrofica, ha […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento