Gomito del guidatore: melanoma favorito con il braccio fuori dal finestrino

 
Marco Mancini
30 giugno 2011
Commenta

braccio fuori dal finestrino Gomito del guidatore: melanoma favorito con il braccio fuori dal finestrino

La cattiva abitudine di tenere il braccio fuori dal finestrino potrebbe presto diventare qualcosa di più di un semplice comportamento da maleducati. Infatti pare che sia un modo per facilitare la nascita del melanoma o del carcinoma di Merkel, due tipologie di cancro della pelle, tanto da dare alla condizione un nuovo nome: gomito del guidatore. Ne sono sicuri i ricercatori dell’Università di Washington, i quali hanno rilevato rispettivamente per le due patologie un incremento della crescita dei tumori del 52 e del 53% nelle persone che, abitualmente, tengono il braccio fuori dal finestrino.

Per avere la piena certezza della loro teoria, i ricercatori americani hanno confrontato i dati del loro Paese, che facevano registrare un incremento delle patologie sul lato sinistro del corpo, quello esposto fuori dal finestrino del guidatore, con i dati provenienti dall’Australia, dove la guida è, come in Gran Bretagna, al contrario rispetto a quella Occidentale. Ebbene, qui si sono registrati valori simili, ma sul lato destro.

La rilevazione è stata effettuata in Australia perché lì le alte temperature facilitano, come da noi, il viaggio con il finestrino aperto ed il braccio fuori. Molto meno probabile che quest’eventualità accada nel Regno Unito dove, a causa dell’alto tasso di piovosità, diventa molto raro vedere scene del genere. Inoltre in quell’area i raggi solari non arrivano diretti come in Australia, dunque i risultati non potevano essere considerati attendibili.

La responsabilità, oltre che alle nostre cattive abitudini, va attribuita in particolar modo ai raggi UVA, che mettono in pericolo più di tutti la salute degli autotrasportatori. Un altro studio simile, stavolta effettuato presso l’Università di Saint Louis, ha scoperto che se i camionisti non si proteggono con le creme adatte, il tasso di tumori cutanei sale ad un preoccupante +74% sul lato sinistro. Un dato che diventa evidente negli uomini, ma non nelle donne. Questa discrepanza è spiegata dai ricercatori in due modi: la maggior attenzione da parte del genere femminile alle creme solari, e l’abitudine a sedersi sul sedile posteriore, spesso più all’interno, rispetto al guidatore, in modo da non essere tanto esposte al sole. Anche se andrebbe considerato che l’abitudine di mettere il braccio fuori non è prettamente femminile, aggiungiamo noi.

Melanoma della pelle: la diagnosi precoce lo combatte efficacemente
Melanoma cutaneo: un pò di attenzione alla propria pelle può salvare la vita
Melanoma infantile, secondo i dermatologi c’è troppo allarmismo

[Fonte: Corriere della Sera]

Lista Commenti