leonardo.it

Contro l’influenza gli antibiotici sono inutili?

 
Tippi
16 febbraio 2013
1 commento

Contro influenza antibiotici inutili

L’amoxicillina, tra gli antibiotici più usati per la cura delle infezioni batteriche, è inutile contro le infezioni delle vie respiratorie, se non addirittura dannoso se non c’è un reale sospetto di polmonite, favorendo una resistenza al farmaco. A rivelarlo, un nuovo studio condotto da un team internazionale di ricercatori, pubblicato sulla rivista Lancet Infectious Deseases.

Secondo gli esperti quando c’è un infezione alle vie respiratorie non è mai semplice capire se è di origine virale o batterica, anche perché i sintomi sono simili. Per distinguerli, infatti, servirebbero analisi mediche più approfondite, ma spesso i medici di base risolvono la “faccenda” prescrivendo gli antibiotici, che in realtà sono utili solo contro le infezioni batteriche.

I ricercatori hanno preso in esame 2 mila pazienti con un’infezione alla basse vie respiratorie per cui non c’era sospetto di polmonite. Metà di loro è stata trattata con l’amoxicillina, mentre l’altra metà con un semplice placebo. In questo modo, è emerso come tra i due gruppi non vi fossero grandi differenze. L’antibiotico, infatti, non aveva effetto né sulla gravità dei sintomi, né sulla loro durata. Rendeva meno probabile l’insorgere di nuovi sintomi o il peggioramento di quelli in atto, ma rispetto al placebo provocava effetti collaterali come nausea, diarrea o eritema.

Secondo uno degli autori dello studio, Francesco Blasi, direttore del Dipartimento di Broncopneumologia presso il Policlinico di Milano:

Gli antibiotici sono responsabili di un lieve beneficio nel decorso della malattia ed evitano che la malattia peggiori, specialmente nei pazienti con meno di 60 anni. Ma non è giustificato un loro uso indiscriminato, dato che in diversi casi gli effetti collaterali superano questi lievi benefici. Il trattamento antibiotico è importantissimo in casi selezionati, e questi farmaci curano efficacemente la polmonite.

I medici, almeno nella mia esperienza personale, prescrivono antibiotici con troppa leggerezza, anche quando si tratta di bambini, senza considerare che distruggono la flora batterica autoctona e di conseguenza indeboliscono molto l’organismo. Non è un mistero, del resto, che la buona salute comincia dall’intestino.

Photo Credit| Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Resistenza agli antibiotici: ancora una minaccia

Resistenza agli antibiotici: ancora una minaccia

La resistenza agli antibiotici è ormai divenuta una “minaccia” globale. La capacità dei batteri di resistere al loro principale antagonista sta preoccupando in maniera più che sostanziale gli esperti di […]

Antibiotici, l’uso scorretto causa epidemia di superbatteri

Antibiotici, l’uso scorretto causa epidemia di superbatteri

Li chiamiamo ormai superbatteri eppure si tratta di microrganismi comuni come nel caso dell’escherichia coli. Perché sono “super”? Perché uccidono e ci fanno tanta paura? A nostro parere, forse non […]

Infezioni all’orecchio nei bambini, antibiotici miglior trattamento

Infezioni all’orecchio nei bambini, antibiotici miglior trattamento

Il miglior trattamento per le infezioni dell’orecchio nei bambini sarebbe costituito dagli antibiotici. A dirlo è un recente studio effettuato da un’équipe di ricercatori afferenti al Children’s Hospital di Pittsburgh […]

Antibiotici: più potenti grazie alle rane

Antibiotici: più potenti grazie alle rane

Qualcuno può rabbrividire all’idea, non amando i preziosi anfibi in questione: le rane. Presto però dalla loro pelle sarà possibile creare dei nuovi antibiotici, diversi e più potenti dei tradizionali, capaci […]

Antibiotici, una risorsa non rinnovabile a causa di un uso scorretto

Antibiotici, una risorsa non rinnovabile a causa di un uso scorretto

Se ne è parlato già qualche mese fa, di come l’abuso degli antibiotici li renda a tutti gli effetti inefficaci dal punto di vista terapeutico. I batteri, i virus diventano […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1karla

    AGLIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! E MIELE.

    16 feb 2013, 18:31 Rispondi|Quota