Aborto, un corso per prevenire quello da disinformazione

 
Valentina Cervelli
10 dicembre 2011
Commenta

Quando si parla di aborto, vi è sempre bisogno di fare una distinzione tra quello spontaneo e quello volontario, diritto conquistato dalla donna qualche decennio fa. Quest’ultimo è ovviamente regolato da rigide norme.  Talvolta è prevista una “terza ipotesi” , quella dell’aborto terapeutico.  Queste ultime due scelte sono spesso condizionate dalla paura delle donne rispetto a possibili malformazioni o problemi o non sempre corrette indicazioni mediche. Un corso, il prossimo 12 e 13 dicembre, si pone l’obiettivo di evitare l’aborto da “disinformazione” per madri e operatori sanitari.

L’argomento si affronterà presso il  Centro Studi per la tutela della salute della madre e del concepito dell’Università Cattolica di Roma. L’ente si occupa ormai da diverso tempo di abbattere quelle barriere di comprensione  relative alla gestazione e che colpiscono in maniera preponderante le  donne in gravidanza.

Spiega il Prof. Alessandro Caruso, Direttore della UOC di Ginecologia e Ostetricia del Policlinico A. Gemelli” :e del Centro Studi dell’Università Cattolica di Roma:

Da più di 10 anni  il Telefono Rosso della Clinica Ostetrica e ginecologica della Cattolica di Roma assiste, con consulenze al solo costo della telefonata, madri, famiglie, medici e operatori sociali e sanitari. La nostra esperienza del primo decennio dimostra che il 10% delle consulenze è relativo a donne indirizzate verso l’aborto volontario o per paura personale (38%) o perché consigliate da operatori sanitari (58%) o parenti (4%).

Il centro, con le sue consulenze, ha fatto in modo tale evitare circa l’84% degli aborti volontari dipendenti dalla paura di malformazione.

Aggiunge il Prof. Giuseppe Noia, Direttore del Corso e responsabile del Day Hospital ostetrico del Gemelli

Malformazione non fa rima con interruzione.  La terapia fetale, eticamente e scientificamente fondata, ci ha permesso in questi anni di vedere nascere bambini già condannati a non esistere in famiglie consigliate a procedere all’interruzione della gravidanza.

Ciò che ci tengono a sottolineare i medici è che quella data dal Centro e dal corso che si terrà i prossimi giorni non è una speranza basata su credenze religiose o sociali, ma un assunto provato scientificamente dall’esperienza clinica.

Articoli Correlati:

Aborto e legge 194: diminuiscono i casi di interruzione volontaria

Aborto: in Spagna legale a 16 anni senza consenso genitori

India: bambine in diminuzione a causa di aborto selettivo

 

Categorie: Ostetricia e Ginecologia
Tags:
Articoli Correlati
YARPP
Gravidanza dopo aborto spontaneo, quanto attendere?

Gravidanza dopo aborto spontaneo, quanto attendere?

Dopo un aborto spontaneo, evento di per se stesso molto stressante dal punto di vista emotivo, pensare ad una nuova gravidanza diventa difficile. C’è ansia e confusione su ciò che […]

Aborto e Legge 194: diminuiscono i casi di interruzione volontaria di gravidanza

Aborto e Legge 194: diminuiscono i casi di interruzione volontaria di gravidanza

La legge 194 sull’aborto, o meglio sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) quanto è praticata? Quali cifre per avere il punto della situazione e farsi un’idea più precisa su una normativa […]

Celiachia divora placenta e causa aborto, il meccanismo svelato da una scoperta italiana

Celiachia divora placenta e causa aborto, il meccanismo svelato da una scoperta italiana

Il rischio aborto è triplicato in presenza di celiachia. La celiachia divora infatti la placenta, il nido che offre protezione e nutrimento al feto, ostacolando la prosecuzione naturale della gravidanza. […]

Aborto fai-da-te: ora è on line

Aborto fai-da-te: ora è on line

Un fenomeno pericoloso e dilagante fa crescere l’apprensione di medici ed esperti: l’aborto via web. L’acquisto via telematica di farmaci illegali riguarda in special modo le donne che vivono in […]

Aborto: sono tremila i ginecologi non obiettori in italia

Aborto: sono tremila i ginecologi non obiettori in italia

Secondo la Relazione annuale sull’attuazione della legge 194 sulle interruzioni volontarie di gravidanza diffusa in questi giorni dal ministro della Salute uscente, Livia Turco, il numero di aborti nel nostro […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento