Insulina, nuovo tipo da assumere ogni tre giorni

di Valentina Cervelli 4

 Il diabete può colpire anche in forma molto grave una persona. Quando una terapia di tipo farmacologico basata su pastiglie assunte per bocca si rivela non sufficiente o non adatta alla vita del paziente, si ricorre alla somministrazione per via sottocutanea di insulina.

Questa pratica è una delle difficoltà maggiori da gestire per i malati che spesso non posseggono l’adeguata dimestichezza con compendi medici di questo genere. Ora, la recente messa a punto di una insulina dalal durata di tre giorni potrebbe venire loro in aiuto.

Questa nuova tipologia di sostanza riuscirebbe a tenere sotto controllo i livelli di insulina per ben 72 ore. Lo studio a riguardo, pubblicato sulla rivista “The Lancet” è stata condotta dall’Università di Toronto.  La nuova insulina, nominata Degludec, riduce secondo i ricercatori il rischio del manifestarsi di ipoglicemia e consente al contempo un buon controllo del livello di glucosio anche se assunta ogni tre giorni.

Ovviamente a tal proposito è stata condotta una sperimentazione su dei pazienti diabetici. Un gruppo di 245 persone affette da diabete di tipo due fra i 18 e i 75 anni, sono stati reclutati in 28 ospedali di 4 paesi differenti per uno studio randomizzato(Canada, Stati Uniti, Sudafrica e India).I partecipanti sono stati suddivisi casualmente per ricevere l’insulina degludec una volta al giorno o, in alternativa, tre volte alla settimana e il gruppo di controllo riceveva insulina “glargine”, una tipologia a lunga durata con somministrazione quotidiana già ampiamente usata in clinica.

Dopodiché è stato controllato il livello dell’emoglobina glicosilata, vera cartina tornasole dello stato diabetico di un paziente. All’inizio della sperimentazione tale valore era elevato in tutti,  toccando in alcuni casi punti dell’!!% contro un valore considerato normale del 7% o ancor meno.  Al termine dello studio  tutti i tre gruppi di pazienti l’avevano vista ridursi e i valori medi si aggiravano attorno al 7.2-7.5 per cento.  Minori stati di ipoglicemia sono stati registrati da chi utilizzava il nuovo tipo di insulina.

Spiega il responsabile dello studio Bernard Zinman:

L’iniezione della nuova insulina tre volte alla settimana sembra garantire un controllo della glicemia simile a quello che si può ottenere con iniezioni quotidiane della stessa insulina degludec o della glargine: questo potrebbe essere molto utile in clinica, ma dobbiamo ancora capire bene l’efficacia, gli effetti collaterali e anche il regime di somministrazione ottimale attraverso studi su un maggior numero di casi. Fino ad allora questa nuova insulina continuerà a essere solo sperimentale.

Articoli correlati:

Diabete, torna di moda l’insulina per via orale

Diabete, la scheda

Fonte: Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>