Sbronza, presto in commercio pillola che ne annulla gli effetti

di Valentina Cervelli 3

L’abuso di alcol, anche se saltuario, rappresenta da sempre un rischio per la salute. La cosidetta “sbronza”  può rappresentare un pericolo sia per chi la prende che per le persone che sono intorno a quest’ultima. Premesso questo sarà presto disponibile al commercio una pillola in grado di annullarne gli effetti. Almeno negli Stati Uniti, dove la questo medicinale è stato appena approvato dalla Food & Drug Administration.

Un rimedio utile soprattutto per quelle persone che magari, in casi eccezionali hanno ecceduto con i festeggiamenti e si ritrovano a combattere con gli effetti spiacevoli del loro comportamento: vertigini, mal di testa, acidità di stomaco e sonnolenza tra i tanti. Il suo nome è “Blowfish” (pesce palla) ed è stata ideata da Brenna Haysom, fondatrice della Rally Labs, produttrice della pillola. Sarà presto disponibile come farmaco da banco e la sua creatrice assicura la sua capacità di far “sparire” tutti i sintomi relativi alla sbronza.

L’idea della donna è nata in seguito alla sua esperienza nel mondo dell’alta finanza, dove, spesso anche solo per motivazioni di rappresentanza, la Haysom si trovava a bere un po’ troppo rispetto al lecito ed il giorno dopo era costretta a lavorare in maniera produttiva e costante, faticando e non poco per rimanere concentrata. E’ stato quello il momento in cui la manager ha deciso che avrebbe ritrovato un rimedio alla sindrome “post ubriacatura”.

Di base si tratta di un mix calibrato di caffeina ed aspirina in soluzione idrosolubile tramite compressa effervescente. La percentuale delle due sostanze è stata creata per combattere sia il dolore che la stanchezza, i principali problemi di chi si ubriaca.

Non si tratta del primo ritrovato pubblicizzato in tal senso negli Stati Uniti: il merito di BlowFish sta nel fatto di essere l’unico medicinale approvato finora in tal senso dalla FDA che giustifica il suo via libera sottolineando che si tratta di un farmaco

composto da sostanze precedentemente approvate, dosate in maniera da non arrecare danni alla salute e adeguatamente etichettato.

Ovviamente ciò non significa che ora si ha il “via libera” ad eccessive libagioni alcoliche. Sono solo gli effetti della sbronza a scemare con la pillola, non i guai che essa comporta.

Photo Credit | Thinkstock

Articoli Correlati:

Ticket anti-sbronza a Ravenna

Abuso d’alcol, la storia di Daniel Radcliffe

Fonte: BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>