Diabete, star della cucina ipercalorica si scopre malata: fans infuriati

di Marco Mancini 3

Per anni è stata la paladina della cucina ipercalorica. Nonostante ormai anche i bambini sappiano che la cucina piena di grassi, zuccheri e basata sulla frittura faccia male, specie se questi pasti vengono consumati tutti i giorni, Paula Deen, uno dei volti televisivi più famosi d’America, continuava a professare la bontà di questo tipo di dieta ogni giorno. Ora si è scoperto che è diabetica, e ciò che è peggio è che lei lo sapeva già da tempo.

Inutile dire che le migliaia di persone che seguivano i suoi consigli si sono sentite tradite ed ora sono infuriate, tanto che i suoi “colleghi” di altri programmi sulla cucina l’hanno definita “la persona più pericolosa d’America”. La Deen infatti ha ammesso di curarsi da tempo con il farmaco antidiabetico Victoza, ma che nonostante fosse scontato che i suoi piatti gustosi ma terribili per il fegato, che avevano sempre una base di burro e zuccheri, erano la causa della sua condizione, lei continuava a cucinarli ed a promuoverli ai suoi concittadini.

Una scelta rischiosa visto che si calcola che circa la metà della popolazione americana è obesa o in sovrappeso, e ci sono all’incirca 26 milioni di diabetici in tutti gli USA. Il diabete infatti, seppure abbia dei meccanismi con una componente genetica, viene chiaramente favorito da una dieta squilibrata sui grassi e sul colesterolo, agevolata anche dalla scarsa attività fisica che di solito una persona che mangia in questo modo non sa nemmeno cosa sia.

Le Deen è stata così smascherata, ma da brava star televisiva si è subito “riciclata”, avviando un programma di cucina con ricette per diabetici. Per lei è una sorta di legge del contrappasso da cui spera di uscirne pulita, ma cosa ne sarà dei milioni di americani che l’hanno seguita per tutti questi anni, ed ora sono a forte rischio diabete?

[Fonte: Corriere della Sera]

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>