I rischi degli interventi di liposuzione: la storia di Alessandra Pierelli che ha rischiato di morire

di Paola 8

L’aspetto fisico oggi è terribilmente importante, non raccontiamoci bugie, e soprattutto nel mondo dello spettacolo, essere belli ed in forma è il biglietto da visita più ambito.
Sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica per apparire perfetti è ormai un’operazione di routine per famosi e meno famosi.
Ma si tratta pur sempre di operazioni chirurgiche, non dimentichiamolo. Andare dal chirurgo plastico non è come andare dall’estetista. Tutti gli interventi, secondo il parere dei medici, comportano dei rischi e delle complicazioni che non è possibile preventivare ed evitare.
La liposuzione, poi, è tra quegli interventi consigliati solo a chi problemi molto gravi di obesità.
Per eliminare la pancetta e l’adipe in eccesso o quei piccoli rotolini antiestetici, occorre solo fare tanta attività fisica e seguire una dieta bilanciata. Certo, un intervento di liposuzione potrebbe eliminarli senza sforzi e sacrifici, ma si può rischiare anche la vita.

A testimonianza della sua terribile esperienza, Alessandra Pierelli, ex fidanzata di Costantino Vitagliano, è tornata a parlare dell’intervento a cui si è sottoposta nel novembre scorso, in cui ha rischiato la vita.
Lo ha fatto oggi a Domenica In, un programma molto seguito, sperando di raggiungere quanto più pubblico possibile. Personalmente non amo molto questi contenitori domenicali, ma il messaggio che è passato oggi merita di essere apprezzato.


La Pierelli, tra le lacrime, ha ripercorso quei difficili momenti, quando in rianimazione sospesa tra la vita e la morte, ha ripensato alla sua esistenza, pentendosi di trovarsi in un letto d’ospedale per un rotolino in più.

Ho sempre goduto di buona salute– ha detto la giovane attrice- in quel momento ho capito quali fossero i valori veri, che rischiavo di morire senza aver avuto dei figli, una famiglia…

Alessandra Pierelli si era sottoposta nel novembre scorso ad un intervento di liposuzione in una clinica privata romana. Appena dimessa, è stata trasportata d’urgenza al Policlinico Gemelli per delle complicazioni post-operatorie.
La diagnosi è stata subito chiara: embolia polmonare. Le sue condizioni erano disperate.
Altre complicazioni sono sopraggiunte in quei giorni, tra cui la pleurite. Se oggi è ancora viva, è per miracolo.

Il suo appello, per chiunque voglia effettuare interventi di questo tipo, è di informarsi bene, rivolgendosi solo a strutture serie e affidabili.

La cosa sconcertante è che devono succedere questi eventi traumatici, prima di capire cosa conta veramente– ha dichiarato visibilmente commossa l’ex partecipante dell’Isola dei famosi.

Sembra che Costantino Vitagliano abbia soltanto mandato un sms ad un’amica dell’ex fidanzata per sapere come stava, ma quando Massimo Giletti glielo ha fatto notare, la Pierelli ha glissato:

In quel momento avevo cose più importanti a cui pensare.

Speriamo che il messaggio di persone famose riesca a raggiungere più gente di quanto non faccia l’informazione medica. Utilizzare il medium televisivo per trattare temi così scottanti e attuali redime un po’ la tv di oggi. Con la speranza che le molte fans della giovane attrice ci riflettano bene prima di pensare che l’aspetto fisico sia la cosa più importante nella vita. Ma non più importante della vita stessa.

Commenti (8)

  1. Sarò lapidaria e stronza: lei ha dimostrato di essere una cretina. Speriamo abbia capito davvero.

  2. SI SONO SCORDATI DI DIRE PERò CHE LA SIGNORINA PIERELLI AVEVA UNA SCARSA INSUFFICENZA VALVOLARE,E CHE QUINDI..ERA MOLTO DIFFICILE CHE NN LE SUCCEDEVA UNA COSA DEL GENERE….VISTO CHE SI è DOVUTA SOTTOPORRE…A UNA LIPOSCULTURA…ALTRO CHE LIPOSUZIONE..CON TUTTE QUELLE CHE HA FATTO CREDO CHE LA LIPOSUZIONE IN SE LE AVREBBE ASPIRATO ANCHE TUTTI GLI ORGANI DEL CORPO!QUINDI SI è SOTTOPOSTA..ALLA LIPOSCULTURA COSII,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>