Giornata Mondiale orticaria, 1 ottobre 2015

di Ma.Ma. Commenta

Il 1° Ottobre viene celebrata la Giornata Mondiale dell’Orticaria in occasione della quale verranno organizzate una serie di iniziative utili a sensibilizzare su di un problema che colpisce moltissime persone in Italia, soprattutto donne di età compresa tra i 20 e i 40 anni. L’orticaria è un disturbo della pelle che, nei casi più gravi, provoca arrossamento, gonfiore e molto prurito. Si tratta di eruzione cutanea che, se in forma leggera, rimane a livello superficiale ma che in altri può associarsi a reazioni edematose degli strati più profondi della cute e del sottocute.


E’ importante dunque riconoscerne i primi sintomi in modo da correre subito ai ripari e fare in modo che la situazione rientri al più presto e non degeneri. Come la maggior parte dellee eruzioni a livello epidermico, infatti, anche l’orticaria tende a peggiorare nei sintomi se non viene prontamente curata con adeguata terapia. Ed ecco allora che, per la Giornata Mondiale dell’orticaria, sponsorizzata da FederASMA e ALLERGIE Onlus, con la sponsorizzazione di Novartis, saranno tante le informazioni diramate da parte degli specialisti affinché chi viene colpito da questo disturbo possa avere le adeguate conoscenze per trovare subito la migliore strada da percorrere. La campagna a favore dell’orticaria troverà spazio anche sui social con il lancio dell’hashtag #urticariaday2015. L’obiettivo rimane lo stesso, quello cioè di promuovere sui canali web la ricerca e la sensibilizzazione verso questo disturbo, suoi sintomi più frequenti e le cause, che nella maggior parte dei casi sono allergiche.

ORTICARIA: QUEI GONFIORI CHE PRUDONO TANTO

Sul sito ufficiale della Giornata Mondiale dell’orticaria potrete trovare tutte le iniziative utili organizzate in occasione del 1° ottobre 2015. Di città in città saranno organizzati incontri con dermatologi specialisti e verrà distribuito materiale informativo a tutti coloro che vorranno cogliere al volo questa opportunità per accrescere la loro conoscenza sulla storia di questa malattia, le cause più comuni che la provocano e i suoi sintomi.

Photo Credits | tinglee1631 / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>