Contro i dolori e i traumi, nuovi esercizi in palestra

di Tippi Commenta

Mentre il noto Pilates si avvia sul viale del tramonto, contro i dolori e i traumi fisici, sono in arrivo una serie di esercizi che prendono spunto dalla vecchia ginnastica correttiva, ma con attrezzi di nuova concezione. La svolta in chiave medica delle palestre arriva dagli USA, dove il mese prossimo ad Alexandria, in Virginia, si svolgerà il congresso dei personal trainer di tutto il mondo.

L’ultimo ritrovato è un piccolo rullo di gomma che arriverà presto anche nelle palestre europee, si chiama “Grid” e si passa sotto la schiena, il bacino e le gambe durante l’allenamento “Smart-core”, che svolge il compito di stimolare e rinforzare tutte le fasce muscolari.

Ritorna in auge anche la palla medica, con un nome decisamente più accattivante, “dynamax”, e dalle misure diverse. Sentiremo molto parlare di una pedanina a mezza luna su cui saltellare, del “bosu”, della corda “power rope”, e di tubi flessibili che si usano al posto dei vecchi pesi per fare una resistenza più dolce, elastica e a zero rischio traumi fisici. In questo modo, ci si può allenare senza tema di dolori e infortuni, incrementando l’elasticità del corpo.

Come ha spiegato Lenny Parracino, del National Academy of Sports Medicine e trainer a Manhattan beach, California:

Si va dai movimenti come strategie antinfiammatorie agli allenamenti per il proprio sistema endocrino, detto “metabolic training”, al potenziamento di schiena-anche-caviglie-piedi.

Si punta ad allenare anche muscoli dimenticati come l’ileo-psoas, che si trova all’interno dell’anca e che agisce flettendo e ruotando la testa del femore. Inoltre, secondo i personal trainer americani, l’allenamento funziona meglio se si è in coppia o in piccoli gruppi, soprattutto perché si è più motivati.

Al di là delle novità in arrivo dal mondo del fitness, è bene ricordare che anche una semplice passeggiata aiuta a combattere la sedentarietà, che solo ogni anno provoca 600 mila decessi in Europa.

Photo Credit|ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>