Ipotiroidismo subclinico in gravidanza e rischio aborto

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Ipotiroidismo subclinico in gravidanza e rischio aborto
Buona sera. Ho scoperto di essere incinta alla 5′ settimana e facendo le analisi del sangue ordinate dal medico ho scoperto di avere un ipotiroidismo sub clinico. I valori del tsh altissimi (7,4) ma tutti gli altri valori della tiroide giusti.. anticorpi un po’ alti a detta del medico (28). Ho iniziato la cura con tirosint 100 mg alla fine della sesta settimana e il medico mi ha detto chiaramente che il feto può aver subito gravi danni e addirittura potrebbe anche andare male la gravidanza con un aborto. Sono terrorizzata. Quanto può essere vero?


Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Ipotiroidismo subclinico in gravidanza e rischio aborto

 

Risponde la D.ssa Paola De Stefanis specialista in endocrinologia. Svolge prevalentemente attività clinica a Roma dove effettua accertamenti e visite endocrinologiche e dietologiche. Attualmente collabora con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, per l’attività di tirocinio teorico-pratico a studenti e neo-laureati. La dott. De Stefanis è Autrice del libro “La tiroide e le sue patologie” (Giacomo Catalani Editore).
Per contatti diretti ed appuntamenti visitate il sito

www.endocrinologiaonline.com

 

Buonasera,Purtroppo quello che le ha detto il suo medico è vero per la parte riguardante il rischio di aborto. Non credo, invece, che l’embrione abbia subito danni se gli ormoni tiroidei sono normali.
Le linee guida internazionali dicono chiaramente che nel I trimestre il TSH non deve superare il valore di 2,5, altrimenti, il rischio di aborto è alto.
Spero per lei che vada tutto bene.
Cordiali Saluti
Paola De Stefanis

 

 

 

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>