Nodulo dopo tiroidectomia per tumore papillare, mi devo preoccupare?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
“Un anno fa mi è stata tolta la tiroide per tumore papillare di 1 cm. Non essendoci linfonodi reattivi non mi è stata fatta la terapia con radioiodio. Ora ho rifatto l’eco al collo e in corrispondenza delle emilogge tiroidee hanno trovato bilateralmente nodulino solido e ipoecogeno di poco sup a 4 mm, privi di significativi segnali vascolari con color doppler. Mi scrivono che in prima istanza sono attribuibili a linfonodi. Volevo sapere se potrebbero davvero essere noduli oppure linfonodi che sono stati intaccati dalle cellule tumorali. Mi devo preoccupare? Quale esame più specifico dovrei fare? grazie mille”.

 

nodulo tiroide dopo tiroidectomia

 

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema tiroidectomia per papillare di 1 cm

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

 

“Salve, la rassicuro dicendo che molto probabilmente quello segnalato per dimensioni localizzazione e caratteristiche ecografiche è un linfonodo. Quindi non si deve preoccupare. Il follow up di un tumore papillare è il dosaggio semestrale della tireoglobulina ed annuale sempre della tireoglobulina dopo test di stimolo al Thyrogen. Inoltre se c’è indicazione lo Iodoscan cioè una scintigrafia tiroidea total body. Io non mi allarmerei ma comunque parlerei con lo specialista per avere chiarimenti. Cordiali saluti”.

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

 

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock