Tapazole in gravidanza e allattamento, endocrinologo risponde

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Buonasera, ho 24 anni e sono affetta da 5 da morbo di basedow. Attualmente sono alla 22esima settimana di gravidanza e prendo una compressa di tapazole un giorno sì e uno no. Mi chiedo se sarà possibile allattare al seno la mia bambina o se la patologia e questo farmaco possono provocare dei rischi o delle alterazioni alla bambina. Grazie per la disponibilità. Cordiali saluti

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema tapazole e allattamento

 
Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

Salve, gli effetti tossici del metimazolo sono proporzionali alla dose assunta; lei assume una dose così bassa che difficilmente può creare i danni che si sono riscontrati in donna gravide che assumevano dosi molto più elevati quali malformazioni fetali ed alterazioni della funzionalità tiroidea; il farmaco passa nel latte ma la sua escrezione per tale via è minima e quindi l’attuale dosaggio non andrebbe ad influenzare la funzionalità tiroidea della piccola. Quindi io le dico che può allattare tranquillamente. Cordiali saluti

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Leggi anche:

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>