Chantix contro il fumo non spinge al suicidio

di Valentina Cervelli Commenta

Lo Chantix, farmaco per smettere di fumare, non spingerebbe al suicidio come precedentemente indicato. E’ questo il risultato di un nuovo studio sul medicinale inviato alla Food and Drug Administration nella speranza di una nuova valutazione.

La molecola alla base di questo presidio medico per smettere di fumare, la vareniclina, è da tempo accusata di causare effetti collaterali psichiatrici notevoli a tal punto che la FDA, nell’ultima revisione avvenuta alla fine del 2014, ha deciso di non eliminare l’avvertimento sulla scatola relativo agli stessi. Fino ad ora infatti non è stato presentato del materiale che potesse portare l’istituzione americana a rivedere le proprie decisioni in merito.

Attualmente il Chantix, per quanto considerato valido come supporto per abbandonare il consumo delle sigarette, è accompagnato dalla avvertimento del verificarsi di possibili cambi d’umore, ostilità, agitazione, episodi depressivi e pensieri ed atti suicidi nei pazienti. E lo studio in questione è stato ordinato proprio dalla Food And Drug Administration al fine di verificare se ci potessero essere le condizioni necessarie per la rimozione dell’avvertimento relativo alle conseguenze psichiatriche del suo utilizzo.

I dati presentati alla FDA sono stati pubblicati alcuni giorni fa all’interno della rivista di settore “The Lancet” e mostrano che le probabilità di suicidio nei pazienti che hanno assunto il farmaco sarebbero pari a quelle di coloro che nel campione studiato hanno assunto il placebo. In tutto si parla di 8144 pazienti provenienti da 12 stati differenti sottoposti a trattamento per 12 settimane e seguite per ulteriori 3 mesi. Dell’intero campione solo 3 persone hanno tentato il suicidio: e nessuno di loro era tra quelli che avevano assunto lo Chantix. Va sottolineato, tra l’altro, che circa il 50% dei partecipanti presentava problemi psichiatrici e psicologici pregressi.

Ora la decisione spetta solo alla Food And Drug Administration : il farmaco può essere considerato abbastanza sicuro al punto di rinunciare all’avvertimento posto su di esso?

Photo Credits | Myroslava Gerber / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>