Colesterolo, FDA approva Repatha

di Valentina Cervelli Commenta

La FDA ha dato il via libera a Repatha per il trattamento del colesterolo. Il parere positivo statunitense è arrivato dopo l’autorizzazione all’immissione in commercio del farmaco da parte della Commissione Europea.

Parliamo di evolocumab: questo farmaco è il primo ed al momento unico inibitore del PCSK9 disponibile per tutti coloro che hanno alti livelli di colesterolo nel sangue che non rispondono ad altri tipi di terapia e che quindi necessitano di un medicinale che ne abbassi la quantità in circolazione. Il via libera, altrettanto importante, è arrivato alla vigilia di uno dei più importanti congressi a livelli internazionale sul tema che si terrà a Londra e che vedrà la partecipazione di circa 25mila persone. La casa farmaceutica creatrice di Repatha presenterà in quella data diversi fascicoli di dati relativi alla sicurezza del farmaco, alla sua tollerabilità ed efficacia non dimenticando di affrontare nello specifico anche la sua eventuale prescrizione in base a determinate diagnosi ed il target al quale il medicinale è destinato.

In Europa l’evolocumab potrebbe avere un forte impatto positivo nella vita delle persone: circa il 60% delle persone affette da colesterolo alto non riesce ad arrivare ad un calo dei livelli con il solo aiuto delle statine e di una dieta bilanciata con conseguenze sulla salute devastanti. Commenta Francesco Di Marco, rappresentante della casa farmaceutica:

L’approvazione FDA appena ottenuta rappresenta un ulteriore passo in avanti nel cammino di questo farmaco innovativo che può aprire nuove prospettive per la cura della patologia. Con senso di responsabilità abbiamo iniziato a interloquire con le autorità regolatorie e con le istituzioni per trovare schemi di accesso, anche in questo caso innovativi, che consentano di mettere il farmaco a disposizione dei pazienti ancora prima che si sia concluso l’iter di rimborsabilità.

La speranza è che questa via venga trovata presto, in modo tale da curare tutti i pazienti che ne hanno bisogno nel più breve tempo possibile.

Photo Credits | BladeTucker / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>