Acidità di stomaco, cibi in e out

di Ivan Zilla Commenta

L’acidità di stomaco è un problema che riguarda moltissimi italiani. Stando alle stime, un italiano su cinque ne soffre in modo più o meno frequente almeno una volta nella vita. La prima regola per far fronte a questo fastidioso disturbo? Conoscere gli alimenti che possono aiutarci a prevenirlo e quelli che invece sono da evitare perché possono peggiorare le cose: in altre parole i cibi in e out. In questo articolo daremo alcune importanti delucidazioni in merito.

Acidità di stomaco: i cibi da evitare

Quando si soffre di acidità di stomaco ricorrente, è importante selezionare gli alimenti che portiamo sulle nostre tavole. Vi sono infatti cibi che possono peggiorare in modo significativo i sintomi. Tra questi ricordiamo:

  • Gli alcolici e i superalcolici: sono una delle cause più frequenti di acidità di stomaco. Vanno bevuti con moderazione o, nel caso  l’acidità sia cronica, evitati nel modo più assoluto.
  • Caffè e derivati
  • Menta: a differenza di quanto si creda, la menta dà sollievo solo per pochi istanti. Nel breve o lungo periodo potrebbe invece aggravare la situazione.
  • Cioccolata: molto buona, ma purtroppo contiene serotonina, che ha un’azione rilassante per il cardias, favorendo il passaggio di cibo e acidi dallo stomaco all’esofago.
  • Fritture: se amate i cibi fritti e siete soliti consumarli più volte a settimana, non dovreste sorprendervi se soffrite di bruciore di stomaco ricorrente.
  • Frutti acidi e aspri come gli agrumi
  • Aceto
  • Cibi speziati e piccanti
  • Bevande gassate e/o iperzuccherate
  • Carne e pesce grassi
  • Insacchati
  • Brodo di carne, soprattutto se ricco di grassi
  • Alcune verdure come i pomodori

Acidità di stomaco: cosa mangiare

Se alcuni cibi vanno evitati, è possibile “tamponare” l’acidità di stomaco portando a tavola determinati alimenti. Nella lista della spesa non dovrebbero mancare:

  • Riso bianco
  • Semolino
  • Pane ben cotto e altri farinacei
  • Formaggi freschi
  • Pesce magro e carne bianca: sono da prediligere a cibi proteici più grassi, ma vanno cucinati alla piastra, bolliti, alla griglia o al forno.Evitare le cotture che comportano un’aggiunta considerevole di grassi.
  • Uova: sode o alla coque
  • Frutta cotta

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>