Scrocchiarsi le dita fa male?

di Ma.Ma. 0

Scrocchiarsi le dita fa male? Di teorie al riguardo ce ne sono molte: c’è chi sostiene che sia questo un gesto deleterio per la salute delle ossa e delle articolazioni e chi invece è convinto che non provochi nessuna conseguenza negativa per le mani. A tornare sulla questione è uno studio condotto dalla Università della California che, attraverso una semplice radiografia, ha mostrato cosa succede quando si compie il gesto di scrocchiare le dita.

E i risultati sono stati sorprendenti: scrocchiare le dita produce energia stando a quanto affermato dal team di medici che ha condotto lo studio su una quarantina di volontari. Sottoposti a esame specifico mentre compievano l’incauto gesto si è visto di come scrocchiare le dita provocasse una vera e propria scarica luminosa. Energia allo stato puro anche se i medici non si sbilanciano sulla totale non pericolosità del gesto sulla salute di ossa e articolazioni, soprattutto a lungo termine. Come afferma Robert Boutin, professore di radiologia all’University of California,

Non abbiamo registrato alcun problema, anche se dovranno essere svolte ulteriori ricerche per valutare eventuali rischi, o benefici, a lungo termine

C’è da capire se il gas che si forma nel liquido sinoviale che permea le cavità articolari e che provocherebbe lo scoppio di cui abbiamo parlato precedentemente possa essere nocivo per le articolazioni oppure no. In attesa di nuovi studi sull’argomento l’idea è che ad oggi non si possa dire con assoluta certezza se scrocchiarsi le dita faccia male o no. Anche se uno studio pubblicato su Annals of Rheumatic Diseases aveva evidenziato di come questo gesto potesse provocare rigonfiamento delle mani e una diminuzione generale della forza nella presa manuale. Aspetti che però non sono stati tirati in ballo nella ricerca condotta in California e che lascia aperta più di una speranza per coloro che compiono spesso questo gesto: non è detto, insomma, che faccia davvero male.

Photo Credits | junpinzon / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>