Crisi ipertensiva, i sintomi

di Cinzia Iannaccio Commenta

Chi soffre di pressione alta deve stare attento ai campanelli d’allarme di una crisi ipertensiva che può essere molto pericolosa. L’ipertensione arteriosa è una patologia cronica, che spesso non manifesta sintomi particolari, ma purtroppo nel tempo se non tenuta a bada può arrecare danni all’apparato cardiociorcolatorio e ai reni. Può però anche avere un picco improvviso. E’ in questi casi che si parla di crisi ipertensiva, che va gestita come emergenza medica. Saperne riconoscere i sintomi permette di agire tempestivamente. Ecco quali sono.

E’ possibile che la pressione sanguigna salga all’improvviso, in seguito ad un evento particolare o meno, anche in situazione di riposo. Quando la misurazione della sistolica è pari o superiore a 180 mmHg o la diastolica a 110 mmHg o più si parla di crisi ipertensiva. Cercare di non agitarsi è il primo difficile step. Poi va fatta una nuova misurazione dopo 3-5 minuti.  Se il dato è confermato bisogna correre ai ripari, con un trattamento medico di emergenza in precedenza prescritto o -se non se ne hanno a disposizione- occorre farsi accompagnare in un pronto soccorso. E’ sconnsigliato guidare.

Quali i sintomi di una crisi ipertensiva che devono indurre a misurare la pressione?

Livelli così alti di pressione non sempre purtroppo sono accompagnati da sintomi specifici. Laddove si manifestano possono essere i seguenti (uno solo  o più contemporaneamente):

  • Forte mal di testa
  • Lieve mal di testa
  • Giramenti di testa
  • Difficoltà di respirazione)
  • Epistassi (sangue dal naso)
  • Stato di ansia
  • Nausea

 

Leggi anche:

Cibi contro la pressione alta

Pressione alta, 5 cose da sapere

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>