Il lifting endoscopico. Una tecnica mini-invasiva per sembrare più giovani

di Salvina 3

Il lifting endoscopico (o quick lifting), diffuso già da qualche tempo in Italia, è una tecnica per ringiovanire il viso che si colloca a metà fra la chirurgia e la medicina estetica. Inventata negli anni novanta da Nicanor Isse è stata importata in Italia dal chirurgo plastico Alessandro Gennai , membro dell’European Academy of Plastic Facial Surgery, che l’ha illustrata all’undicesimo Convegno di medicina odontoiatria e chirurgia estetica tenutosi di recente a Bologna. La tecnica prevede l’inserimento nel viso, mediante piccole incisioni praticate sul cuoio capelluto, di speciali fili legati fra loro che risollevano guancia, angoli della bocca, e sopracciglia.

Diversamente dagli interventi di lifting tradizionali, destinati secondo Gennai a diventare obsoleti, che prevedono la resezione della cute in eccesso e lo stiramento di quella rimasta, il lifting endoscopico permette di correggere i segni del tempo senza lasciare cicatrici visibili e senza costringere quindi a pettinature che coprono il contorno del viso. La pelle in eccesso viene ridistribuita e i tessuti non vengono tirati, ma riposizionati agendo non sulla parte laterale, ma su quella superiore del viso. L’effetto ottenuto è quindi più naturale. Successivamente sarà possibile fare alcuni ritocchi in ambulatorio e senza praticare nuove incisioni.


Il primo intervento viene comunque svolto in anestesia generale e richiede una notte di degenza. Tuttavia, assicura Gennai, la tecnica endoscopica permette tempi di guarigione più rapidi, non presenta rischi legati alla cicatrizzazione dei tessuti e riduce al minimo quelli di lesioni nervose e vascolari. Ma la vera novità, annunciata dal chirurgo, insieme al collega Miles Gravier, al congresso bolognese è rappresentata dalla notizia che il lifting mini-invasivo, sarà d’ora in poi praticabile oltre che sul viso anche sulla zona del collo. In questo caso l’incisione viene praticata dietro l’orecchio per permettere l’inserimento di una “banderella dentata” riassorbibile che permette di mettere in trazione i muscoli del collo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>