Recessione gengivale, cos’è, cause e cosa fare

di Ma.Ma. Commenta

La recessione gengivale, ovvero quel disturbo che porta le gengive a ritirarsi lasciando scoperto i denti, colpisce i giovani più di quanto si potrebbe pensare. A soffrirne è un giovane su 5 secondo i dati snocciolati nel corso del 19esimo convegno della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (Sidp). Ma che cos’è la recessione gengivale e quali sono le cause che la determinano?

gengive gonfie sanguinanti gravidanza bambini

Luca Landi, presidente eletto della SIdP inquadra meglio la recessione gengivale illustrando eventuali soluzioni per la risoluzione di un problema che è molto fastidioso:

La recessione gengivale è un problema colpisce una fetta importante della popolazione, almeno l’80% degli over 65. Ma non risparmia i giovani: ne presenta almeno una il 20% dei giovani sotto i 30 anni e ben il 50% degli under 40

Le cause delle “gengive corte” possono essere diverse tra di loro. Aggiunge l’esperto:

Può dipendere da un tipo di tessuto gengivale particolarmente sottile, ma anche dall’abitudine di spazzolare i denti troppo vigorosamente con lo spazzolino

L‘intervento di chirurgia plastica per ovviare al problema della recessione ambulatoriale e in anestesia locale. Va però concordato con il dentista di fiducia per definirne tempi e modalità con l’obiettivo di ridurre al minimo il fastidio per il paziente che vi si sottopone.

Ti potrebbe interessare anche:

Denti e gengive sane? Olio come collutorio

Gengive gonfie e sanguinanti, cosa fare?

Photo | Thinkstock