Longevità: allunga la vita di 10 anni con 7 piccole attenzioni

di Marco Mancini 2

Tutti vorremmo avere una vita lunga e, se possibile, in salute, e per questo molti cadono in presunti rimedi miracolosi che servono solo per spillare denaro. Il dr. Clyde Yancy, cardiologo canadese, ha invece redatto una sorta di “guida” su come fare ad allungare la propria vita con solo 7 piccole attenzioni che possono migliorare il nostro stato di salute e farci arrivare senza problemi a 90-100 anni. Come fare? Lo vedremo dopo il salto.

Il trucco, secondo il medico, è prevenire, ed in generale ridurre, l’incidenza delle malattie cardiovascolari. La tecnica, che dovrebbe valere per qualsiasi stadio della vita, dovrebbe essere seguita pedissequamente in particolar modo dopo i 50 anni, in modo da aggiungere ulteriori 40 o 50 anni alla propria carta d’identità. In questo modo, conclude Yancy, le persone dovrebbero rimanere al riparo da alcune malattie croniche, ictus, e persino da alcuni tipi di cancro. Ecco i famosi “passaggi”:

1. Diventare attivi: L’inattività è la prima nemica della longevità. Le persone che sono fisicamente inattive hanno il doppio delle probabilità di contrarre malattie cardiache o ictus.

2. Conoscere e controllare i livelli di colesterolo: Quasi il 40% degli adulti canadesi ha il colesterolo alto, e questo può portare depositi di grassi nelle arterie che aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus.

3. Seguire una dieta sana: mangiare sano è una delle cose più importanti a qualsiasi età, ma nonostante sia una raccomandazione che tutti conosciamo, si calcola che almeno la metà di noi non la rispetti.

4. Conoscere e controllare la pressione del sangue: La pressione alta colpisce circa un canadese su cinque. Tramite la conoscenza ed il controllo della pressione sanguigna è possibile tagliare il rischio di ictus fino al 40% e il rischio di infarto fino al 25%.

5. Raggiungere e mantenere il peso-forma: quasi il 60% degli adulti canadesi sono sovrappeso o obesi, i principali fattori di rischio delle malattie cardiache e ictus. Essere obesi può ridurre la vita di quasi quattro anni.

6. Gestire il diabete: Il diabete aumenta il rischio di ipertensione, aterosclerosi, malattia coronarica e ictus, soprattutto se i livelli di zucchero nel sangue sono scarsamente controllati.

7. Smettere o evitare di fumare: la regola aurea è non cominciare mai a fumare o, se già lo fate, smettere. Non è mai troppo tardi. Sono migliaia le persone che ogni anno muoiono a causa del fumo, ed ancor di più sono quelle che muoiono o subiscono danni per l’esposizione passiva al fumo. Non appena si smette di fumare, il rischio di malattie cardiache e ictus comincia a diminuire. Dopo 15 anni, il rischio sarà quasi quello di un non fumatore.

Questi i consigli del dottor Yancy. E voi inizierete a seguirli?

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>