Spermatogenesi, quanto tempo dura e cos’è?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
“Scusate il disturbo volevo chiedere: la durata della spermatogenesi in alcuni testi è di 64 giorni in altri 74 come mai? Grazie dell’attenzione.”

Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema durata spermatogenesi

Prima di tutto occorre spiegare cos’è la spermatogenesi: si tratta di un processo biologico naturale atto alla creazione degli spermatozoi,  avviene nelle gonadi maschili (i testicoli) ed è l’equivalente dell’ovogenesi femminile (creazione degli ovuli che avviene nelle ovaie). E’ un processo abbastanza complesso che si sviluppa in varie fasi e che inizia a partire dalla pubertà.

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

“Il ciclo di spermatigenesi è di 74 più o meno 5 giorni e dipende dai livelli di Fsh, dalla quantità di nutrienti nell’ambiente di maturazione, dai recettori presenti sulle cellule stesse, dallo stato di salute generale e da tanti altri fattori. Cordiali saluti”.

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

Infertilità maschile, creato sperma in laboratorio da cellule germinali

15 curiosità sul seme maschile

Esame liquido seminale: come si fa, lettura valori, costo

Sangue nello sperma (emospermia), cause, diagnosi, cure e antibiotici

Orgasmo senza sperma, quali cause?

 

Se avete altre domande da porre al dott. Iasevoli o agli altri nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>