Influenza 2016-2017 bambini, 6 cose da fare e non

di Redazione 0

Il picco dell’influenza 2016-2017 nei bambini provocherà mal di gola, naso chiuso, tosse e febbre alta. Ecco 6 cose da fare e non per alleviare i sintomi e favorire una pronta guarigione.

1. No a antibiotici e supposte

L’influenza 2016-2017 nei bambini è causata da virus contro cui gli antibiotici sono inefficaci, se non controproducenti. Anche il paracetamolo sotto forma di supposta potrebbe alterare l’equilibrio dell’intestino. Meglio dunque evitare.

2. Fare bere ai piccoli molta acqua

L’acqua è considerata il miglior mucolitico naturale. Bere tanto dunque è necessario specie per quei bambini che hanno una tosse molto grassa. L’acqua fluidifica il catarro e contribuisce a scioglierlo.

3. Sì a latte e miele prima di dormire

Prima di andare a letto, latte e miele è un vero toccasana per i bimbi che, per colpa dell’influenza, accusano soprattutto mal di gola e tosse con catarro. Il latte, tra tutte le bevande calde, è un ottimo antidoto contro la tosse. Il miele aiuta a placare l’arrossamento in gola.

4. Non forzare i bambini a mangiare

L’nfluenza porta sempre a un calo vertiginoso dell’appetito. Se i bambini non hanno fame, meglio non forzarli perché altrimenti si sovraccarica l’intestino e questo è decisamente sconsigliato. Cercate di dare loro poco cibo ma sostanzioso, non dimenticandovi della frutta, un vero concentrato di vitamine. Una bella spremuta di arance per esempio può rivelarsi un valido alleato contro l’influenza: la vitamina C rafforza le difese immunitarie e velocizza la guarigione.

5. Evitare prodotti profumati in casa

Potrebbero essere causa di broncospasmi e dunque meglio evitare se i vostri bambini sono a letto con l’influenza.

6. Fare lavaggi per liberare il naso

Lavaggi con acqua salata o decongestionanti prescritti dal pediatra sono ottimi per liberare le vie respiratorie e combattere in modo efficace il naso chiuso.

Ti potrebbe interessare anche:

SINTOMI INFLUENZA 2016-2017 NEI BAMBINI

INFLUENZA 2016 BAMBINI E FEBBRE ALTA, RIMEDI

Fonte | consigli del pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>