Trattamento asma: gli steroidi sono sicuri?

di Marco Mancini 2

I bambini che subiscono un attacco d’asma che sono trattati con una breve terapia a base di steroidi per via orale possono avere una breve e transitoria depressione della risposta immunitaria, secondo un nuovo studio condotto dall’Université de Montréal. Questi risultati, pubblicati su Pediatric Allergy, Immunology and Pneumology, hanno implicazioni per i bambini asmatici che hanno attacchi improvvisi e che possono essere esposti a nuove malattie contagiose.

Non c’è dubbio che la somministrazione di corticosteroidi riduce il rischio e la durata del ricovero ospedaliero nei bambini con asma acuta e rimane il trattamento più efficace per le riacutizzazioni dell’asma moderato e grave. Tuttavia, il profilo di sicurezza di questi farmaci continua a suscitare preoccupazioni tra i genitori e i medici. Le preoccupazioni sui loro possibili effetti sul sistema immunitario derivano da pochi rari casi di collegamento o infezioni da varicella grave legato alla somministrazione di corticosteroidi

afferma il primo autore Francine M. Ducharme, docente e pediatra, nonché ricercatore presso l’Università di Sainte-Justine Hospital Research Center.

Ducharme e colleghi hanno valutato la risposta immunitaria dei bambini dai 3 ai 17 anni, ricoverati nel reparto di emergenza con un attacco d’asma. A tutti i soggetti sono stati dati antigeni, e la loro risposta immunitaria è stata confrontata con quella dei pazienti che hanno ricevuto i corticosteroidi.

Molti bambini curati con corticosteroidi hanno avuto una risposta immunitaria più bassa, come misurato dalla quantità di anticorpi prodotti, rispetto ai bambini non trattati

spiega Ducharme. I bambini dello studio sono stati rivaccinati con l’antigene cinque settimane dopo la loro prima visita. Paragonando le risposte immunitarie, si è capito che ci può essere una soppressione immunitaria molto transitoria solo in alcuni bambini esposti ad un nuovo antigene, come avviene con una somministrazione di corticosteroidi.

In sintesi, i risultati suggeriscono che una soppressione immunitaria molto transitoria si verifica in alcuni bambini che sono contemporaneamente esposti ad un nuovo antigene e ai corticosteroidi nel corso di un attacco d’asma, con un recupero entro sei settimane. Data l’elevata frequenza nell’uso di questi farmaci negli ultimi 20 anni, la presenza molto rara di una grave malattia infettiva è rassicurante e direi che la finestra di rischio è molto piccola e si applica solo all’esposizione ad un nuovo antigene. Tuttavia, prima di prescrivere i corticosteroidi per via orale, sembrerebbe prudente indagare sistematicamente sull’esposizione a recenti contagi da varicella nei bambini che non l’hanno avuta o non sono stati vaccinati. Inoltre, tutti i bambini con asma che non hanno avuto la varicella dovrebbero essere vaccinati per questa condizione

conclude Ducharme.

L’asma nei bambini: cause e cure
Inquinamento indoor e asma, una relazione pericolosa soprattutto per i bambini
L’asma nei bambini, una malattia cronica o temporanea?

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>