Acetone (acetonemia)

di Marco Mancini 4

Acetone (acetonemia)

L’acetonemia, meglio conosciuta semplicemente come acetone, è una condizione in cui ci sono elevati livelli di chetoni (corpi chetonici) nel sangue. I chetoni si formano quando le riserve di glicogeno nel fegato sono esaurite. I chetoni sono utilizzati per produrre energia. Si tratta di piccoli frammenti di carbonio che fungono da “carburante” creati dalla ripartizione dei depositi di grasso. L’acetone è una condizione potenzialmente grave se i livelli cominciano a diventare troppo alti.

Tuttavia, quando il corpo è in chetosi l’individuo tende a sentirsi meno affamato, e probabilmente mangia meno di quanto dovrebbe. Il corpo passa dal bruciare i carboidrati al bruciare i grassi. I depositi di grasso diventano una fonte di energia primaria, e la persona perde peso. Questa però non è una perdita di peso sana perché non è volontaria e può finire con il far mancare l’energia al corpo e al cervello che ha bisogno di glucosio e carboidrati per funzionare, e non può bruciare i grassi. La condizione può manifestarsi in tutti i soggetti, ma è più comune nei bambini molto piccoli, anche sotto un anno di età, e nei pazienti diabetici.

CAUSE: Metabolizzare il grasso aumenta i livelli di chetoni nel sangue, e ciò porta all’acetone. La condizione può verificarsi con diabete di tipo 1, alcolismo, inedia e con una dieta a basso contenuto di carboidrati, grassi e ricca di proteine. I chetoni sono costituiti da acetone, acetoacetato o beta-idrossibutirrato. I livelli di chetoni molto elevati possono essere tossici, rendendo il sangue più acido, e danneggiare organi come i reni e il fegato.

Il corpo umano cerca di abbassare l’acetone tramite il respiro, producendo un fiato dolce e fruttato, o attraverso le urine.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Alitosi;
  • Vomito;
  • Crampi addominali;
  • Rifiuto del cibo;
  • Lingua asciutta e biancastra;
  • Irritabilità;
  • Debolezza;
  • Sonnolenza.

DIAGNOSI: Per diagnosticare l’acetone è possibile acquistare in farmacia un kit per l’analisi dell’urina. In caso di presenza della malattia, la striscia reattiva cambia colore.

TERAPIA: La dieta chetogenica per il trattamento dell’epilessia (alto contenuto di glucosio e basso contenuto di grassi) viene utilizzata da oltre un secolo per curare questo disturbo metabolico. Alla dieta possono essere aggiunte delle vitamine, potassio e insulina. Nei casi gravi di vomito è possibile praticare delle flebo per far arrivare nell’organismo gli stessi elementi nutritivi. Infine è molto importante la reidratazione.

PROGNOSI: Circa un terzo dei casi tra gli adulti e due terzi nei bambini guarisce completamente entro 48 ore. Possibili complicazioni possono essere:

  • Disidratazione;
  • Costipazione;
  • Calcoli renali o calcoli biliari.

I livelli di chetosi devono comunque essere monitorati costantemente anche in una fase successiva per controllare che raggiungano l’equilibrio sano nel corpo. Se la condizione non è curata possono esserci gravi danni ai reni e cambiamenti nella pressione sanguigna.

[Fonte: Medicalnewstoday]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>